Feeds:
Articoli
Commenti

Archive for giugno 2021

A cura di Simona Ciasca e Paolo Onofri.

Il giorno 4 gennaio 2021 si è spento a Potenza Picena Nazareno Torregiani all’età di anni 68.

nazareno torregiani

Nazareno Torregiani è nato a Macerata il giorno 07/01/1952 da Anselmo e da Vittoria Burini.

Il giorno 11/07/1981 si è sposato con la signora Anna Margherita Macellari e dal loro matrimonio sono nati Linda, Fabio e Paola.

Impiegato, perito industriale, ha svolto la sua attività all’interno della ditta Bontempi di Potenza Picena.

Nazareno Torregiani è stata una persona molto legata a Potenza Picena, dove era impegnato socialmente ed anche politicamente.

È stato Presidente dell’Avis di Potenza Picena negli anni 1977 e 1978, poi Presidente della Pro Loco locale dal 1979 al 1980.

Dal 1980 fino al 1985 è stato assessore allo sport con il Sindaco Maria Magi ed in consiglio comunale rappresentava il Partito Socialdemocratico. Nelle elezioni amministrative del 1999 si è candidato a Sindaco di Potenza Picena con la lista chiamata “Nuovo Paese”.

Le elezioni in quell’anno sono state vinte dal candidato Sindaco Mario Morgoni e Nazareno Torregiani ha svolto il ruolo di consigliere comunale dell’opposizione. Con lui, nella sua lista, sono stati eletti i consiglieri comunali Paolo Malatini, Mario Mazzoni, Massimo Bufalari, Francesco Acquaroli e Giordano Giampaoli.

Infine era anche un grandissimo tifoso della squadra di calcio del Potenza Picena, che seguiva sempre negli incontri casalinghi.

Read Full Post »

A cura di Simona Ciasca e Paolo Onofri.

Giuseppe Asciutti

Giuseppe Asciutti nasce a Potenza Picena il giorno 14 gennaio 1898 in Via Tridenti, 167 (l’attuale Via Umberto I), da Pietro, calzolaio e Giulia Maggini, casalinga. Aveva altri due fratelli, Oreste, classe 1889, emigrato in Argentina ed Alessandro, classe 1893, morto durante la prima guerra mondiale il giorno 27/8/1916 sul Monte Colbricòn per ferite riportate in combattimento. Il giorno 18 aprile 1927 sposa Anna Pastocchi e dalla loro unione nascono Sandra e Giulia.

Frequenta, interrompendo il corso di studi durante la prima guerra mondiale dove partecipa come fante trincerista, le Accademie di Belle Arti prima di Urbino, poi di Roma, dove consegue il diploma nel 1922.

Lascia Roma e si trasferisce a Pergola, dove insegna per diversi anni disegno, plastica ed intaglio nella Scuola d’arte Giannini.

Nel 1926 ritorna a Roma, dove presta la sua valente opera presso il laboratorio d’Arte antica Angelelli. Nel 1928 si trasferisce definitivamente a Potenza Picena, dove insegna disegno, plastica ed intaglio nei corsi di avviamento professionale di Porto Recanati e Potenza Picena e, in seguito, viene anche chiamato a dirigere la vecchia e rinomata Scuola d’Arte applicata all’industria “Ambrogio della Robbia” di Potenza Picena, scuola fondata nel 1874 da Domenico Filippetti ma che ebbe enorme impulso in particolare sotto la guida di un grande educatore, il Prof. Umberto Boccabianca. La scuola, sotto la sua guida per circa quarant’anni, ha preparato giovani artisti ed artigiani di Potenza Picena, con lezioni di disegno, di elementi di architettura, di impiego del cemento, unitamente all’intaglio del legno e della tecnica artistica del ferro battuto.

Gli allievi della Scuola d’arte “Ambrogio della Robbia” hanno eseguito sotto la direzione del maestro Asciutti diversi lavori pregevoli, tra cui la bella fontana che ornava il Pincio, nonché quelle collocate presso le Fontanelle e la Madonna della Neve; hanno fregiato lampade votive, costruito mobili ed altre opere di notevole pregio, non dimenticando le numerose pergamene votive eseguite con ammirevole perizia e precisione ed incisioni xilografiche.

Ha partecipato con successo alle mostre d’arte di Macerata nel 1922, di Recanati nel 1937,  di nuovo a Macerata nel 1944 e di Montelupone nel 1957. Ha esposto anche i suoi lavori a Roma nel 1926 ed a Buenos Aires nel 1936. Nel 1944 è stato nominato membro del CLN (Comitato di Liberazione Nazionale) di Potenza Picena. E’ morto a Potenza Picena il giorno 9 maggio 1981.

Ha lasciato una grande quantità di opere d’arte, tra cui pitture ad olio, lavori in xilografia, pergamene in miniatura, terracotte, sculture in legno, opere in ferro battuto, donate nel 2010 dalle figlie Sandra e Giulia al Convento dei Frati Minori di Potenza Picena, che hanno costituito la sala “Giuseppe Asciutti” all’interno del loro Convento.

Il prof. Giuseppe Asciutti nel 1937 era entrato nell’Ordine Francescano Secolare di Potenza Picena.

Il Comune di Potenza Picena, con pubblica manifestazione, il giorno 20 dicembre 1998, in occasione dei festeggiamenti per il Centenario della nascita dell’artista, ha intitolato al prof. Giuseppe Asciutti il Piazzale antistante la Chiesa della Madonna della Neve, spazio un tempo dedicato al gioco del pallone al bracciale (da noi più comunemente chiamato gioco del pallone e della palloncella), in applicazione della delibera di Giunta Comunale n.320 del 22/04/1995.

Al Prof. Giuseppe Asciutti ha dedicato la sua tesi di diploma la dott.ssa Rita Soccio di Recanati dal titolo “Asciutti, un caso popolare di citazionismo”, anno accademico 1993/1994, Accademia delle Belle Arti di Macerata, sezione decorazione, relatore Chiarissimo Prof. Mariano Apa.

Articoli correlati:

Read Full Post »

A cura di Paolo Onofri.

Viale Trieste con la Porta Girola o Marina. Foto p. Nazzarenod Pistelli.

Potenza Picena, grazie all’intuizione del prof. Umberto Boccabianca, dal 1900 può vantare un bellissimo e suggestivo viale alberato composto da 88 tigli, Viale Trieste, in prossimità dell’ingresso principale del nostro centro storico, quello di Porta Girola o Marina, la cui struttura è stata demolita nel 1950 per poter allargare l’accesso.

Il viale alberato è stato creato nel lontano 14 marzo 1900, in occasione della prima festa degli alberi organizzata a Potenza Picena dal Prof. Umberto Boccabianca con le scuole elementari locali, collocandovi 88 tigli. Il viale è lungo 360 metri, largo 2,60 metri e dispone di n.14 panchine in pietra, molto belle ed utili per la socializzazione, in particolare degli anziani che durante l’estate sono soliti passeggiare lungo il viale, un tunnel alberato refrigerante.

Nel 2003 le condizioni del fondo erano gravissime, pieno di buche e di rialzi del terreno causati dalle radici dei tigli. Un gruppo di 150 nostri concittadini ha deciso di lanciare un appello al Comune con una petizione per poter sistemare il viale e renderlo, in questo modo, di nuovo sicuro. L’appello dei nostri concittadini è stato accolto dall’amministrazione comunale, all’epoca guidata dal sindaco Mario Morgoni ed il viale è stato sistemato ed asfaltato.

Il Prof. Umberto Boccabianca insieme agli alunni della Scuola Elementare di Potenza Picena

Le piante dei tigli sono soggette all’azione corrosiva degli insetti e debbono periodicamente essere sostituite da piante nuove. Nel 2019 ne sono state sostituite 2, nel 2020 ben 3. Quest’anno nessuna. Purtroppo da 3 anni nello spazio che occupava il tiglio n.88 non c’è più la pianta e nel corso di questi 3 anni non è stata più rimpiazzata. Pensavamo di poterla vedere collocata durante le sostituzioni dei tigli del 2019 e del 2020, ma niente è avvenuto. Niente nemmeno quest’anno. In questo modo il tunnel d’ombra dei tigli lascerà un vuoto nel punto dove è mancante la ottantottesima pianta.

Norberto Mancini, scrittore e poeta di Potenza Picena, ha dedicato a Viale Trieste una bellissima poesia, pubblicata nel libro “Visioni potentine” del 1958, che noi facciamo conoscere ai nostri lettori. Il nome “Trieste” è stato dato solo dopo la fine della prima guerra mondiale, in precedenza si chiamava Via Piana.

Articoli correlati:

Read Full Post »

Simona Ciasca

Il giorno 15 Maggio del 2008 abbiamo iniziato con Rodolfo Cingolani l’avventura del blog isantesi. Dopo 13 anni siamo riusciti a raggiungere il primo straordinario obiettivo che ci eravamo posti fin dall’inizio. Il raggiungimento del milione di pagine consultate dai nostri affezionati lettori. Questo è avvenuto il giorno 31 Maggio 2021. Tenendo conto che le prime 100.000 pagine sono state raggiunte dopo 3 anni e mezzo, le 500.000 dopo 8 anni, il raggiungimento del milione di pagine è potuto avvenire grazie agli straordinari risultati degli ultimi 5 anni. Questo 13°anno per noi è iniziato solo con la ripresa delle pubblicazioni del giorno 18 Maggio 2020, quando grazie all’iniziativa della dott.ssa Simona Ciasca, abbiamo pubblicato l’articolo dedicato ai lavori di restauro di Paolo Pallotto di Potenza Picena, finanziati dal nostro comune. Il restauro ha riguardato una statua lignea del sec. XVI della Madonna con Bambino ed Angeli e di n°3 inginocchiatoi dei sec. XVIII e XIX. Inoltre il giorno 22 Luglio 2020 il restauratore di Urbino Gabriele Dondi della “Legatoria artistica e restauro del libro” ha riconsegnato al nostro comune restaurati n°3 antifonali dei secc. XVI e XVII, nell’ambito del progetto Art Bonus ed i finanziatori sono stati il dott. Roberto Domenichini per n°2 antifonali e la Fondazione “Anton Mario Filippetti” del Presidente Mario Carlocchia per n°1 antifonale.

Paolo Onofri

Per quanto riguarda le collaborazioni, per le traduzioni, possiamo contare per lo spagnolo sulla sig.ra Mariella Morello, per l’inglese su George Dernowski, mentre per il francese sulla prof.ssa Sandra Simoncini e Loretta Lazzarini. Per le fotografie è ormai consolidato il rapporto professionale con Sergio Ceccotti, un vero artista dell’immagine. Per quanto riguarda gli articoli vogliamo ringraziare tutti coloro che anno voluto collaborare con noi, Maria Belardinelli, Luca Carestia, Roberto Domenichini, Gianfranco Morgoni, e Simona Ciasca. Con la dott.ssa Simona Ciasca scrivo quasi tutti gli articoli insieme ed il suo contributo ed apporto è sempre più importante ed insostituibile. L’ultimo ringraziamento, il più sentito lo merita sicuramente la mente ed il cuore del nostro blog, Rodolfo Cingolani, il nostro web master. Senza la sua competenza, pazienza e disponibilità non potremmo fare niente. Comunque la nostra è una squadra molto affiatata e questo è il segreto del nostro grande successo. Il risultato del tredicesimo anno del nostro blog, nonostante la pandemia, è stato a dir poco straordinario ed irripetibile.

Sergio Ceccotti

Il risultato del blog isantesi.wordpress.com sommato a quello dei santesi.it è stato pari a 127.021 pagine consultate. Il migliore di questi 13 anni, rispetto alle 92.154 del 12° anno, con un incremento di 34.867 pagine, pari al 37,84% in più. Complessivamente abbiamo raggiunto le 996.106 pagine consultate, di cui 21.168 del sito isantesi.it Per quanto riguarda gli articoli sono stati in questo tredicesimo anno n°98, un record, portando il totale a n°886, mentre le fotografie ed i documenti sono stati n°590, per un totale di n°7.757. I video sono in totale n°65. I nostri articoli vengono pubblicati dal sito de ilcittadinodirecanati.it, con ottimi riscontri di pubblico. Disponendo anche di una pagina Facebook abbiamo un discreto seguito e molte condivisioni. In particolare vogliamo ringraziare per le sue continue condivisioni Simone Principi, che ci fa conoscere a tanti lettori. Il risultato dei 13 anni di attività del nostro blog è stato il seguente:

Rodolfo Cingolani
1°annopagine7.849
2°annopagine23.403
3°annopagine42.960
4°annopagine65.356
5°annopagine83.549
6°annopagine83.688
7°annopagine97.223
8°annopagine93.138
9°annopagine100.006
10° annopagine81.256
11°annopagine98.503
12°annopagine92.154
13°annopagine127.021

Read Full Post »

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: