Feeds:
Articoli
Commenti

Posts Tagged ‘arturo sardini’

A cura di Simona Ciasca e Paolo Onofri

Porta Galiziano negli anni '30.L’unica Porta medievale di Potenza Picena che si è salvata è stata quella di Ga­liziano, nell’omonimo quartiere, anticamente chiamato di San Pietro. Le altre tre porte di accesso al centro storico di Monte Santo non esistono più; la prima che è scomparsa, quella più piccola, solo pedonabile, era quella del Cunicolo o della Cava, che si trovava a tramontana, nella zona delle Fontanelle, nel quartiere di Sant’Angelo. Oggi a ridosso del­le abitazioni di Via Lodovico Scarfiotti, troviamo un muretto con delle feritoie che testimonia la sua esistenza.

La seconda, la più importante, quella chiamata Girola o Marina, si trova­va nel quartiere di San Paolo, vicino alla chiesa della Madonna della Neve ed è stata abbattuta nel mese di dicembre del 1950.

La terza, quella di San Giovanni, nel quartiere omonimo, vicino alla chiesa della Madonna delle Grazie, è stata abbattuta nel 1956.

Anche la Porta di Galiziano ha corso questo rischio nel 1960, quando è stata trovata la soluzione isolandola dalla cinta muraria antica.

Nel 1961 allargando la strada Provinciale che porta a Montelupone e Macerata, è stata invece abbattuta la Madonnetta, cioè la chiesa della Ma­donna delle Lacrime o del Pianto. Nello stesso anno, il giorno 29 Otto­bre 1961, sotto alla Porta di Galiziano, è stata collocata una terracotta del prof. Giuseppe Asciutti, raffigurante la Madonna con Bambino, mentre da­vanti alla Porta è stato collocato uno stemma comunale di Poten­za Picena, sempre in terracotta, opera del prof. Giuseppe Asciutti.

Porta Galiziano. Foto di Sergio Ceccotti.Fino al 1946 era presente invece lo stemma sabaudo. Il giorno 3/11/1997, si è verificato il distacco di materiale dalla volta interna del manufatto antico, e al quel punto la Porta di Galiziano è stata chiusa al transito pedonabile.

L’Amministrazione Comunale, guidata all’epoca dal sindaco Mario Margoni, ha richiesto all’ufficio Tecnico comunale di predisporre un progetto di res­tauro, in due stralci, il quale è stato successivamente approvato dalla Soprintendenza ai monumenti di Ancona ed i lavori sono stati affidati all’impresa edile di Potenza Picena di Umberto Parigi e del figlio Sergio, per una spesa complessi­va di Lire 78.000.000. In questo modo la Porta di Galiziano è stata riportata al suo antico splendore storico ed architettonico.

L’inaugurazione della Porta di Galiziano restaurata è avvenuta il gior­no mercoledì 9 giugno del 1999, cioè 20 anni fa, e sono intervenuti molti ragazzi e ragazze delle scuole elementari e medie di Potenza Picena, insieme ai loro insegnanti e professori, oltre che al Preside ed al Direttore Di­dattico.

All’inaugurazione della Porta di Galiziano doveva partecipare anche il parroco della Parrocchia dei Santi Stefano e Giacomo, don Carlo Leoni, ma per le polemi­che che la sua presenza aveva sollevato, non è più intervenuto.

Per la benedizione è invece stato presente il guardiano dei frati Minori, padre Nazzareno Capriotti.

Porta Galiziano. Foto di Sergio Ceccotti.La presentazione storica della Porta di Galiziano è stata fatta da Paolo Onofri, che per l’occasione aveva anche preparato e distribuito tra gli intervenuti ed i ragazzi di tutte le scuole, una pubblicazione che parla­va sia della Porta di Galiziano che delle altre tre porte medievali di Monte Santo, sponsorizzata dalla Cooperativa Vini Montesanto di Potenza Picena e stampato dalla Tipografia Cingolani Arnaldo, con foto di Bruno Grandinetti.

Sono intervenuti: il prof. Arturo Sardini, il Diret­tore didattico della scuola elementare prof. Francesco Forti ed il Pre­side della scuola media, prof. Dario Magnamassa, mentre una bambina ha letto una poesia.

Il sindaco Mario Margoni ha parlato a nome dell’Amministrazione comuna­le. Una bambina delle scuole ha infine tagliato il nastro di inaugura­zione della Porta di Galiziano restaurata.

Il servizio fotografico è stato curato da Luigi Anzalone, da pochi me­si operante a Potenza Picena, mentre Giordano Giretti di New Look ha effettuato delle riprese, oggi inserite in Rete.

Il restauro della Porta di Galiziano rappresenta un evento veramente straordinario che ci ha ridato in tutta la sua bellezza originaria questo monumento simbolo storico della nostra comunità, di cui essere orgogliosi.

Articoli correlati:

 

 

Annunci

Read Full Post »

a cura di Simona Ciasca e Paolo Onofri

Mons. Franco Crovi Vescovo titolare di Potenza Picena. Foto tratta dal sito della Diocesi di Crema.

Il giorno Domenica 11 Novembre 2018 è venuto a Potenza Picena Mons. Franco Croci, Vescovo Titolare della nostra città dal giorno 3 Dicembre 1999, nominato dal Pontefice Giovanni Paolo II.
Il giorno 6 gennaio 2000 ha ricevuto la Consacrazione Episcopale.
Lo ha accompagnato a Potenza Picena il suo Segretario, l’olandese Mons. Karel Kasteel.
La mattina di Domenica 11 Novembre 2018, alle ore 11,00, ha celebrato la messa presso la Collegiata di Santo Stefano insieme al parroco, padre Michele Ardò ed al suo Segretario Kasteel. Nell’occasione l’Amministrazione Comunale era rappresentata dagli assessori Tommaso Ruffini e Luca Strovegli.
Mons. Franco Croci è nato a Crema il giorno 25/6/1930 ed è il secondo Vescovo Titolare di Potenza Picena, dopo Mons. Adam Kozlowiecki, che era stato nominato dal Pontefice Paolo VI il giorno 26 Luglio 1969 ed ha ricoperto questo incarico fino alla sua nomina a Cardinale, avvenuta il giorno 21 Febbraio 1998.
Mons. Franco Croci è la terza volta che viene a Potenza Picena. La prima volta è venuto nei giorni 11, 12 e 13 Marzo del 2000 ed è stato accolto dal parroco don Carlo Leoni, che poi ha scritto un bellissimo articolo sull’avvenimento, uscito sul n° 7 dei mesi di Aprile-Maggio 2000 di Filo Diretto, oltre che essere accolto dal Sindaco dell’epoca Mario Morgoni.

Stemma Vescovile di Mons. Franco Croci Vescovo titolare di Potenza Picena. Foto tratta dal sito della Diocesi di Crema.

La seconda volta nel 2015, nell’occasione della Festa di San Girio, compatrono di Potenza Picena, il 25 Maggio, ed è stato ricevuto dai parroci don Andrea Bezzini, don Aldo Marinozzi, don Francesco Miti, don Cesare Di Lupidio e dal Sindaco di Potenza Picena Francesco Acquaroli e da tutta la sua Giunta Comunale in Municipio.
Il prossimo anno 2019, il giorno 26 Luglio, sono 50 anni dal giorno in cui Potenza Picena dopo diversi secoli è ritornata ad avere il suo Vescovo Titolare, oltre che la ricorrenza dei 20 anni dalla nomina di Mons. Franco Croci nel ruolo di Vescovo Titolare di Potenza Picena avvenuta il giorno 3 Dicembre 1999. Sarebbe significativo che l’Amministrazione Comunale di Potenza Picena valuti l’opportunità di conferirgli la cittadinanza onoraria della nostra città.

Mons. Franco Croci a Potenza Picena il giorno domenica 11 novembre 2018 durante la messa presso la Collagiata di Santo Stefano

Lo stesso precedessore di Franco Croci, Mons. Adam Kozlowiecki il giorno 21/2/1974, delibera di Consiglio Comunale n° 44, Sindaco il prof. Gabriele Nocelli, ha ricevuto questa onorificenza comunale. In questo modo Mons. Franco Croci non sarebbe solo il nostro amato Vescovo Titolare, ma anche un cittadino onorario di Potenza Picena. Siamo certi che la nostra proposta verrà presa in seria considerazione dai nostri amministratori.
Il servizio fotografico del giorno 11 Novembre 2018 presso la Collegiata di Santo Stefano ci è stato gentilmente fornito da Elisa Cartuccia, che ringraziamo di cuore.

Articoli correlati:

Read Full Post »

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: