Feeds:
Articoli
Commenti

Posts Tagged ‘banda cittadina’

image description

Statua di Santo Stefano

a cura di Simona Ciasca e Paolo Onofri
Potenza Picena, dopo 150 anni, ha finalmente celebrato solennemente la festa del Patrono principale della città e titolare della Parrocchia, Santo Stefano.
La festa si è svolta dal giorno 2 Agosto 2018 fino al giorno 5 Agosto 2018, includendo sia il giorno dell’Invenzione di Santo Stefano, cioè il 3 Agosto, che la festa della Madonna della Neve, il 5 Agosto.
Questa bella festa si è potuta celebrare grazie allo spirito d’iniziativa e di ascolto del Parroco, padre Michele Ardò e del suo vice, padre Lorenzo Turchi ed al coinvolgimento di tutta la comunità parrocchiale.
La festa quest’anno ha avuto al suo centro iniziative sia religiose che civili. Tra quelle religiose ricordiamo la processione solenne il giorno della festa del Patrono Santo Stefano, il 3 Agosto 2018, preceduta da una affollata funzione religiosa all’interno della Collegiata di Santo Stefano. Alla funzione religiosa ed alla processione hanno partecipato autorità civili e religiose, tra cui il nostro Sindaco Noemi Tartabini, la Banda Cittadina, le Confraternite locali (Corpus Domini, della Buona Morte e del Sangue Sparso di San Girio) e quelle di Montecosaro e Villa San Filippo di Monte San Giusto. In processione è stata portata la nuovissima statua di Santa Stefano, inaugurata nell’occasione e realizzata in Puglia, a Lecce da parte dell’artigiano Tonino Zaccaria – arte sacra. Durante il percorso della processione, in Piazza Giacomo Matteotti è stata scoperta la targa che ricorda la presenza al centro della città della Pieve di Santo Stefano, struttura demolita nel 1796 per allargare la Piazza, chiamata all’epoca Piazza Grande. Di seguito i fuochi d’artificio della ditta Alessi di Ascoli Piceno, visti dal Pincio.
Festa di Santo StefanoLa processione si è conclusa nel Piazzale della Collegiata. Domenica 5 Agosto 2018 è stata festeggiata la Madonna della Neve presso la chiesa all’ingresso del Paese.
Per quanto riguardano le iniziative civili ricordiamo lo spettacolo al Pincio “0 comme…..Cacahuete” di Andrea Menozzì della Compagnia Curculabile, il giorno 2 Agosto 2018, il concerto della Banda Cittadina, sempre al Pincio, il giorno sabato 4 Agosto 2018 che ha suscitato molto interesse, ed infine il concerto in Piazza Matteotti Domenica 5 Agosto 2018 del tenore di Assisi, fra Alessandro Brustenghi insieme a fra Davide Boldrini alla chitarra, accompagnati dalla Corale Santo Stefano di Potenza Picena. Un concerto, quest’ultimo veramente straordinario che ha richiamato in Piazza molti spettatori, mai visti tanti in questo luogo. E’ stata un’emozione di cui ricordarsi per sempre. Alla fine della serata sono stati estratti i numeri della ricca lotteria di beneficenza organizzata nell’ambito della festa del patrono.
Festa di Santo StefanoQuindi in conclusione una festa ben riuscita sotto tutti i punti di vista, sia religioso che civile, grazie allo straordinario impegno della comunità parrocchiale e dei parroci, padre Michele Ardò e padre Lorenzo Turchi. E’ mancata solo la fiera dedicata a Santo Stefano, ci si augura che questa carenza venga superata il prossimo anno, con l’impegno di tutti.
Il servizio fotografico è stato realizzato con molta professionalità e passione da Elisa Cartuccia, tra gli organizzatori della festa, e ci è stato gentilmente messo a disposizione per farlo conoscere a tutti i nostri lettori. In questo modo gli scatti bellissimi di Elisa, che ringraziamo di cuore, documentano emotivamente ed artisticamente un avvenimento che passerà alla storia della nostra comunità.
Le foto del concerto della Banda Cittadina ci sono state messe a disposizione da Gabriele Onofri, che ringraziamo, insieme ad altre del concerto di fra Alessandro in Piazza Matteotti.

Articoli correlati:

Annunci

Read Full Post »

Manifesto.pub

Read Full Post »

a cura di Simona Ciasca e Paolo Onofri

Fabio Quarchioni

Fabio Quarchioni

Nei giorni 22 e 23 Novembre del 1997, cioè venti anni fa, si è svolto a Potenza Picena presso il Teatro “Bruno Mugeilini”, il XXXIII Convegno di Studi Storici Maceratesi. Era la prima volta che Potenza Picena veniva scelta dall’Associazione e tutto questo grazie all’impegno del dott. Roberto Domenichini.
Uno dei più interessanti interventi nel Convegno è stato sicuramente quello di Fabio Quarchioni e Paolo Peretti sul tema “Contributo per una storia della musica a Potenza Picena (già Monte Santo)”.
Nell’ambito del Convegno ci sono stati altri interventi che riguardavano Potenza Picena, tra cui quello del dott. Roberto Domenichini “Aspetti della società e dell’economia santese nel tardo Trecento”, di Gessica Zallocco “Il Monte di Pietà santese nei sec. XVI-XVII”, di Sabrina Grandinetti “Le case coloniche e poderi a Monte Santo tra Settecento ed Ottocento”, di Carlo Pongetti “L’Emigrazione transoceanica dal maceratese: il caso di Potenza Picena”. In quella straordinaria occasione per Potenza Picena, abbiamo avuto la possibilità di conoscere i migliori studiosi delle Marche, tra cui Fabio Quarchioni, organologo, che insieme al prof. Paolo Peretti ha analizzato la storia di Monte Santo per quanto riguarda la musica, le sue istituzioni, i personaggi e gli strumenti, cioè gli organi antichi di cui Quarchioni era uno dei massimi esperti in campo regionale.

 

Organo da sala Giovanni Fedeli del 1757. Foto Sergio Ceccotti.

Organo da sala Giovanni Fedeli del 1757. Foto Sergio Ceccotti.

Grazie a lui e a Paolo Peretti è stato valorizzato l’organo da “sala” della chiesa di Sant’Agostino, fino a quel momento un anonimo strumento, e sempre loro hanno trovato, dietro alla canna centrale dell’organo, la firma del costruttore, cioè Giovanni Fedeli della Rocchetta di Camerino, e l’anno di costruzione, cioè il 1757. Da quel momento l’anonimo organo di Sant’Agostino è diventato importantissimo nel panorama marchigiano ed italiano, uno dei pochi organi da sala arrivato fino a noi. Nei 2007, il giorno 8 dicembre, è stato inaugurato ufficialmente dopo un lungo restauro effettuato da Michel Formentelli di Camerino.
Fabio Quarchioni e Paolo Peretti nel loro intervento al Convegno hanno approfondito la conoscenza sia della nostra Banda Cittadina che della Corale Santo Stefano, degli altri organi presenti oggi nella nostra realtà, come quello dei F.lli Bazzani della Collegiata di Santo Stefano del 1848, lo Zeno Fedeli degli inizi del Novecento dei Frati Minori ed il Morettini degli inizi del Novecento della chiesa di San Giacomo Maggiore a Galiziano; hanno approfondito lo studio dei musicisti santesi, tra cui padre Antonio Maria Costantini, padre Gaetano Filppetti, Francesco Quadrini, Alessandro Rinaldelli, don Gabriele Giuseppe Giorgini, padre Valentino Mataloni, don Giovanni Battista Boni, Arturo e Flavio Clementoni.
Fabio Quarchioni per conto dell’Associazione Marchigiana Organistica ha contribuito al censimento regionale di tutti gli organi delle Marche.

cop-storia-musica-potenza-picena

 Contributo per una storia della musica a Potenza Picena

Fabio Quarchioni, psichiatra, è morto a Macerata il giorno 27 Giugno 2017, dopo una lunga malattia. Lascia la moglie Luciana Polverini, medico di base e la figlia Enrica, studentessa universitaria. La nostra comunità ringrazia Fabio Quarchioni per aver dato un notevole contributo nello studio della storia musicale di Monte Santo, delle sue istituzioni, dei musicisti e degli strumenti, gli organi antichi.
Proponiamo agli Amici della Musica di Potenza Picena di organizzare un concerto d’organo dedicato a Fabio Quarchioni presso l’Auditorium “Ferdinando Scarfiotti”, quando verrà riaperto.

Articoli correlati:

Read Full Post »

Domenico Carestia, secondo da dx, durante le celebrazioni per l'inauguarazione della Piramide de Mayo

Domenico Carestia, secondo da dx, durante le celebrazioni per l’inauguarazione della Piramide de Mayo

Quando il giorno 29 Luglio 2014 è venuta a Potenza Picena per la prima volta la Sig.ra Agnese Carestia, figlia di Domenico che nel lontano 1967 aveva promosso insieme ad altri santesi emigrati in Argentina, la costruzione della Piramide de Mayo a Potenza Picena, inaugurata il giorno 16 Luglio, come al solito mosso da grande curiosità intellettuale, ho voluto approfondire la conoscenza di Domenico Carestia, un personaggio veramente straordinario.
La sig.ra Agnese Carestia in questa sua visita a Potenza Picena, dove è stata ricevuta ufficialmente dal Sindaco Francesco Acquaroli, era accompagnata dal figlio Abel Di Lello II e da sua moglie Patricia Fernandez, ed hanno donato al nostro Comune un bellissimo orologio da parete fatto artigianalmente da Abel, oggi collocato nello Ufficio del Sindaco nel Palazzo Comunale.
Domenico, Ennio Carestia nasce a Potenza Picena in Via XX Settembre n° 125 (l’attuale Via Guglielmo Marconi), il giorno 4/7/1910 da Angelo, muratore e da Agnese Camoranesi, casalinga. La sua era una famiglia molto numerosa e comprendeva anche Giuseppe, nato il 9/12/1897, che ha combattuto durante la prima guerra mondiale, Igino, nato il 10/9/1904, Manlio, nato il 26/9/1906 ed ultimo Virgilio, nato il 11/l/1914.
Domenico Carestia frequenta le scuole locali con il maestro Raffaele Petetti. Quella dei Carestia è stata la classica famiglia di Potenza Picena dove tutti i componenti sono emigrati in Argentina nel corso degli anni. Hanno iniziato Giuseppe Carestia, sua moglie Erminia Mogliani e la loro figlia Teresa, emigrati con i loro fratelli Igino, Manlio e Domenico nel 1928. Per ultimi, l’anno successivo, sono emigrati i loro genitori Angelo Carestia e Agnese Camoranesi, insieme al loro figlio più piccolo Virgilio, partiti il giorno 4/5/1929. Nessuno di loro è più ritornato a Potenza Picena ed hanno proseguito la loro vita a Buenos Aires, in Argentina.

La Banda Cittadina scalinata di Via Trento 1953

La Banda Cittadina scalinata di Via Trento 1953

Domenico Carestia si è sposato con la sig.ra Milka Pito e dal loro matrimonio sono nate Agnese nel 1936 e Mirtha nel 1939. In Argentina, a Buenos Aires, Domenico, insieme ai fratelli Igino, Manlio e Virgilio hanno iniziato come muratori, per poi mettersi in proprio, costituendo la ditta “Carestia Fratelli Costruttori, impresa Edile”, riuscendo ad ottenere un grande successo economico.
Tanta era la nostalgia della loro Potenza Picena, che Domenico nel giardino della sua casa ha voluto anche collocare una fontana similare a quella che sta da noi in Piazza Matteotti, costruita dal fratello Manlio.
Domenico, come tutti gli altri fratelli, a parte Giuseppe morto molto giovane nel 1935 a soli 33 anni, ha sempre fatto parte della Società Potentina di Mutuo Soccorso di Buenos Aires, situata in Via Yerbal 6240, di cui è stato anche Presidente, una delle più importanti organizzazioni dei nostri emigrati in Argentina, fondata nel 1935, il cui primo Presidente è stato Domenico Giampaoli.
Troviamo Domenico Carestia, insieme ad altri componenti la Società Potentina di Mutuo Soccorso di Buenos Aires in una bellissima foto del 1952, oggi conservata nel nostro Archivio Storico Comunale, dove all’interno della loro sede ricevono la sig.ra Rita Carlini in Pastocchi che aveva portato dall’Italia il cofanetto con la terra dei 5 colli di Potenza Picena. Inoltre nel 1955 Domenico, insieme al fratello Manlio, alla moglie Milka, alla figlia Mirtha ed alla nipote Ofelia, figlia del fratello Giuseppe, fa ritorno per la prima volta a Potenza Picena e lo troviamo in una foto famosa che lo ritrae insieme a tutti i componenti la Banda Cittadina, diretta all’epoca dal maestro Edgardo Latini, all’inizio della scalinata di Via Trento. L’anno successivo, cioè nel 1956, Domenico, insieme ai suoi fratelli Igino, Manlio e Virgilio donano il tessuto per le nuove divise dei componenti la Banda Cittadina. Il tessuto è stato fatto arrivare tramite la sig.ra Adriana Monsù Cipollari del luogo, loro parente.

Anno 1952 Buenos Aires. Membri del direttivo della Società Potentina di Mutuo Soccorso. Da sx in piedi Tanoni Galliano, Rossini Alceo, Pianaroli Cesare, Carestia Domenico, Rinaldelli Giuseppe, Rossi Vincenzo, Carestia Manlio. Da sx seduti: Orselli Alessandro, Percossi Ivo, Roseti Cesare (Presidente), Sorichetti Armando insieme alla Sig.ra Rita Carlini. Archivio Storico Comunale.

Anno 1952 Buenos Aires. Membri del direttivo della Società Potentina di Mutuo Soccorso. Tra loro Domenico Carestia.

Nel 1966 è tra i promotori della costruzione della Piramide de Mayo in Largo Leopardi ed il giorno della sua inaugurazione, il 16 Luglio del 1967, si troverà di nuovo a Potenza Picena insieme ai fratelli Igino e Virgilio, a Mario Percossi, l’autore della statua della Libertà che sormonta la Piramide, a Faustino Fontinovo, Presidente della Società Potentina e a Luigi Pianaroli.
Domenico Carestia muore a Buenos Aires, circondato dall’affetto dei suoi cari, nel 1978. A Potenza Picena vivono ancora dei suoi lontani parenti, i figli di Orazio Carestia, Ermanno, Duilio e David che sono cugini di secondo grado di Agnese e di Mirtha Carestia.
Potenza Picena non deve dimenticare Domenico Carestia, uno dei suoi figli più illustri, che pur lontano dalla sua terra natia, non l’ha mai dimenticata e l’ha portata sempre nel suo cuore, trasmettendo l’amore per la nostra città alle sue figlie Agnese e Mirtha ed ai suoi nipoti.

LA HISTORIA DE DOMÉNICO CARESTIA, UNO DE LOS PADRES DE LA PIRÁMIDE DE MAYO DE POTENZA PICENA

Domenico Carestia, secondo da dx, durante le celebrazioni per l'inauguarazione della Piramide de Mayo

Domenico Carestia, secondo da dx, durante le celebrazioni per l’inauguarazione della Piramide de Mayo

Cuando el dia 29 de julio de 2014 vino a Potenza Picena por primera vez la señora Agnese Carestía, hija de Doménico que en el lejano 1967 había promovido, junto a otros Santeses emigrados a la Argentina, la construcción de la Pirámide de Mayo en Potenza Picena, inaugurada el dia 16 de julio, como es habitual movido de una gran curiosidad intelectual, he querido profundizar el conocimiento de Doménico Carestía, un personaje realmente extraordinario.
La señora Agnese Carestía en esta, su visita a Potenza Picena, donde fue recibida oficialmente por el Intendente de Potenza Picena Francesco Acquaroli, era acompañada del hijo Abel Di Lello II y de su mujer Patricia Fernandez, que donaron a nuestra Comuna
un bellisimo reloj de pared, hecho artesanalmente por Abel, colocado hoy en la oficina del Intendente en el Palacio Comunal.
Doménico Ennio Carestía nació en Potenza Picena, calle XX de Setiembre 125 ( actual calle Guglielmo Marconi), el día 4 de julio de 1910, hijo de Angelo, albañil y de Agnese Camoranesi, ama de casa. Su familia era muy numerosa y comprendía también a Giuseppe, nacido el 9 de diciembre de 1897, que combatió durante la primera guerral mundial, a Igino, nacido el 10 de setiembre de 1904, Manlio, 26 de setiembre de 1906 y el último Virgilio, nacido el 11 de enero de 1914.
Doménico Carestía frecuentó la escuela local con el maestro Raffaele Petetti.
La familia Carestía ha sido como la clásica familia de Potenza Picena donde todos los componentes emigraron a la Argentina en el curso de los años. Comenzó Giuseppe Carestía, su mujer Erminia Mogliani y la hija Teresa, emigrados con sus hermanos Igino, Manlio y Doménico en 1928. Por último, en el año sucesivo emigraron los padres, Angelo Carestía y Agnese Camoranesi junto al hijo menor Virgilio, que viajaron el 4 de mayo de 1929. Ninguno de ellos retornaron a Potenza Picena y continuaron su vida en Buenos Aires, Argentina.
Doménico Carestía se casó con la señora Milka Pito y del matrimonio nacieron: Agnese, en 1936 y Mirtha en 1939. En Buenos Aires, Doménico junto a sus hermanos Manlio e Virgilio, se iniciaron como albañiles, para después independizarse fundando la sociedad “Carestía Fratelli Constructores, Empresa Edil”, que economicamente obtuvieron un gran suceso.

La Banda Cittadina scalinata di Via Trento 1953

La Banda Cittadina scalinata di Via Trento 1953

Tanta era la nostalgia por Potenza Picena, que Doménico colocó en el jardín de su casa una fuente de agua similar a la fuente de Piazza Matteotti, construida por su hermano Manlio.
Doménico, como todos sus hermanos, excepto Giuseppe muerto en 1935 a los 33 años,
perteneció siempre a la Sociedad Potentina de Mutuo Soccorso, situada en la calle Yerbal 6240 de Buenos Aires, en la cual a sido también Presidente. Una de las más mportantes organizaciones de nuestros emigrados en Argentina, fundada en el año 1935, cuyo primer presidente fue Doménico Gianpaoli.
Vemos a Doménico Carestía, junto a otros componentes de la Sociedad Potentina de Buenos Aires, en una bella foto de 1952, conservada en nuestro Archivo Histórico Comunal, donde en el interior de la sede reciben la señora Rita Carlini in Pastochi que llevó de Italia un cofrecillo con la tierra de cinco bolsas de Potenza Picena.
Además, en 1955, Doménico junto al hermano Manlio, a la mujer Milka, a la hija Mirtha y a la sobrina Ofelia, hija del hermano Giuseppe, hizo un retorno por primera vez a Potenza Picena y lo vemos en una foto famosa que lo retrataron junto a todos los componentes de la Banda Ciudadana, dirigida en aquella época por el maestro Edgardo Latini, al inicio de la escalinata de la Calle Trento. En el año sucesivo, 1956, Doménico junto a sus hermanos Iginio, Manlio y Virgilio, donaron la tela para la nueva divisa de los componentes de la Banda Ciudadana. El tejido lo hizo traer la señora Adriana Monsú Cipollari de sus parientes.
En el 1966, entre los promotores de la construcción de la Pirámide de Mayo en Largo Leopardi el día de la inauguración, 16 de julio de 1967, se encontró de nuevo en Potenza Picena, junto a sus hermanos Igino e Virgilio, a Mario Percossi, el autor de la estatua de la libertad en la parte superior de la pirámide, a Faustino Fontinovo, Presidente de la Sociedad Potentina y a Luigi Pianaroli.

Anno 1952 Buenos Aires. Membri del direttivo della Società Potentina di Mutuo Soccorso. Da sx in piedi Tanoni Galliano, Rossini Alceo, Pianaroli Cesare, Carestia Domenico, Rinaldelli Giuseppe, Rossi Vincenzo, Carestia Manlio. Da sx seduti: Orselli Alessandro, Percossi Ivo, Roseti Cesare (Presidente), Sorichetti Armando insieme alla Sig.ra Rita Carlini. Archivio Storico Comunale.

Anno 1952 Buenos Aires. Membri del direttivo della Società Potentina di Mutuo Soccorso. Tra loro Domenico Carestia.

Doménico Carestía murió en Buenos Aires, rodeado del afecto de sus queridos parientes, en 1978. En Potenza Picena viven todavía parientes lejanos: el hijo de Orazio Carestía, Ermanno, Duilio y David que son primos en segundo grado de Agnese y de Mirtha Carestía.
Potenza Picena no debe olvidar a Doménico Carestía, uno de sus hijos ilustres, que a pesar de estar lejos de su tierra, nunca la olvidó y la llevaba siempre en su corazón, trransmitiendo el amor por su ciudad a sus hijos Agnese y Mirtha y a sus nietos.

(Traducción de Emilio Zamboni)

Articoli correlati:

Read Full Post »

Il giorno Sabato 1 Agosto 2015, alle ore 21,30 si è tenuto il tradizionale concerto d’estate del Complesso Musicale “Città di Potenza Picena”.
Il concerto, inizialmente programmato in Piazza Matteotti, per motivi meteorologici si è dovuto tenere all’interno dell’Auditorium “Ferdinando Scarfiotti”, nella ex chiesa di S. Agostino.
La moderna struttura con le sue 180 poltroncine in pelle Frau non è riuscita a contenere i tanti cittadini che sono intervenuti al tradizionale evento, sempre molto atteso.

Concerto d'estate del 1 Agosto 2015 del Complesso Musicale Città di Potenza Picena, presso l'auditorium Ferdinando Scarfiotti. Foto di Aido Consolani.

Concerto d’estate del 1 Agosto 2015 del Complesso Musicale Città di Potenza Picena, presso l’auditorium Ferdinando Scarfiotti. Foto di Aido Consolani.

Il Corpo Bandistico locale, presieduto da Mario Romagnoli, per l’occasione era formato da 48 elementi (tra di loro la prima tromba della Banda della Guardia di Finanza Sandro Ciampechini) provenienti da diverse località vicine, non solo da Potenza Picena ma anche da Recanati, Porto Recanati, Montecosaro, Montelupone, Civitanova Marche, Fermo, Morrovalle, diretto dal Maestro Samuele Travaglini del luogo, diplomato in pianoforte al Conservatorio “G.B. Pergolesi” di Fermo.
Presente per l’Amministrazione Comunale, l’assessore al turismo Paolo Scocco ed il Presidente del Consiglio Comunale Mirco Braconi, mentre la serata è stata presentata dalla Sig.ra Stefania Offidani.
Il concerto è andato avanti per circa un’ora e mezzo e gli spettatori non si sono di certo annoiati, anche se l’acustica della struttura non era ottimale.
Il nostro Corpo Bandistico, le cui origini risalgono al Novembre del 1842, è la prima volta che si esibisce con i suoi 48 elementi all’interno di questa meravigliosa struttura inaugurata il giorno 19 Dicembre del 2004 ed intitolata al premio Oscar per la scenografia del film di Bernardo Bertolucci “L’ultimo Imperatore” Ferdinando Scarfiotti. Nell’ambito della serata hanno avuto modo anche di esibirsi i giovani della Junior Band preparati dalla maestra Cristiana Chmielewski e composta ai clarinetti: Arianna Pescetti, Veronica Carlini, Claudia Carota, Giacomo Renzi, Edoardo Linardelli, al flauto Valeria Grandinetti, Aurora Valentini, Camilla Latini, al sax contralto Leonardo Pescetti.

Concerto d'estate del 1 Agosto 2015 del Complesso Musicale Città di Potenza Picena, presso l'auditorium Ferdinando Scarfiotti. Foto di Aido Consolani.

Concerto d’estate del 1 Agosto 2015 del Complesso Musicale Città di Potenza Picena, presso l’auditorium Ferdinando Scarfiotti. Foto di Aido Consolani.

Inoltre nell’intervallo ha potuto anche cantare la giovane Veronica Carlini del luogo, ed è stata una bella sorpresa.
Dopo il tradizionale bis richiesto a gran voce dal numeroso pubblico, la serata si è conclusa con l’inno di Mameli (video) che ha coinvolto tutti i presenti.
Indubbiamente una bella ed entusiasmante serata che fa onore ai componenti del nostro complesso bandistico, istituzione orgoglio della nostra comunità che ci si augura venga sempre di più sorretta dalle nostre istituzioni locali e dalla cittadinanza.

Articoli correlati:

Read Full Post »

Arnaldo Cingolani all'interno della tipografia in una foto di Antonio Manta.

Arnaldo Cingolani all’interno della tipografia in una foto di Antonio Manta.

Una delle attività più importanti di una comunità è sicuramente quella legata alla tipografia.
Ogni aspetto della nostra società moderna passa obbligatoriamente per questo luogo. Abbiamo bisogno dei maestri tipografi sia nei momenti più felici (nascite, matrimoni, comunioni, cresime, feste), che in quelli più tristi, come i funerali.
Le attività produttive non ne possono fare a meno, come le istituzioni pubbliche, i partiti, i sindacati, le associazioni sportive, culturali e ricreative.
Anche gli scrittori, i poeti, gli artisti, i ricercatori storici debbono sempre fare affidamento su di un bravo tipografo.
L’attività tipografica in questi anni è molto cambiata. Dalla composizione manuale dei lavori, alla meccanizzazione ed oggi siamo arrivati all’uso delle moderne tecnologie informatiche.
Una cosa comunque non è cambiata. I tipografi debbono avere una grande cultura e competenza.
A Potenza Picena dal 1965 in Corso Vittorio Emanuele II, n. 17, opera con grande serietà e professionalità un grande maestro di questa arte tipografica, Arnaldo (Nando) Cingolani. Nato a Recanati il giorno 30/5/1941 da Rodolfo, muratore e da Alma Corvatta, dopo avere imparato il mestiere nella tipografia di Italiano Simboli a Recanati, nel 1965, all’età di 24 anni decide di mettersi in proprio, aprendo una tipografia nella nostra città. Successivamente, dopo il matrimonio a Recanati con la signora Luciana Olmi il giorno 31/5/1975, si trasferisce a Potenza Picena, dove nascono i loro due figli Rodolfo e Paola.
Nel 1965 nel nostro Comune era già operante la Tipografia di Mario Santini che si trovava all’epoca in Via Silvio Spinaci, vicino alla chiesa di S. Anna a Porto Potenza Picena. Mario Santini dopo aver lavorato nella Tipografia di Mario Corsi a Civitanova Marche, nel 1962 si mette in proprio nella nostra città, dove nel 1965 si sposa con la signora Luigina Girotti del luogo. A Potenza Picena capoluogo operava invece una filiale della Tipografia Rampioni di Porto Recanati. Anche il titolare di questa tipografia, Francesco Rampioni (Checco), era originario di Potenza Picena dove era nato nel 1897, figlio di Gaudenzio, il primo tipografo della nostra città.

Visita alla Tipografia Cingolani degli alunni di una Scuola Media Marietta Gioia di Casette d'Ete, il 14-03-89. Insieme ai ragazzi Arnaldo Cingolani, Giuseppe Massera, Roberto Micucci ed il Prof. Arturo Sardini.

Visita alla Tipografia Cingolani degli alunni di una Scuola Media Marietta Gioia di Casette d’Ete, il 14-03-89. Insieme ai ragazzi Arnaldo Cingolani, Giuseppe Massera, Roberto Micucci ed il Prof. Arturo Sardini.

Arnaldo Cingolani venendo da una città come Recanati di grandi tradizioni culturali e professionali, ha portato nel nostro piccolo centro una ventata di cultura ed anche la sua passione per la musica. Infatti fin da giovanissimo ha imparato a suonare il sassofono, ha fatto parte di diversi complessi musicali, tra cui i Sagittari e i Leoni, ed ha suonato nella Banda Cittadina “Beniamino Gigli” di Recanati. Anche a Potenza Picena si è dedicato alla locale Banda Cittadina, sia come suonatore che come dirigente del sodalizio, attività che ad oggi ancora continua a svolgere con assiduità.
Dalla Tipografia di Arnaldo Cingolani negli anni sono usciti anche due dei più importanti imprenditori del settore tipografico marchigiano, Franco e Giulio Biagiola, che hanno fondato a Recanati la Bieffe, una delle più importanti realtà produttive del settore tipografico dell’Italia centrale, che occupa oggi 80 dipendenti.
Ho fatto delle ricerche storiche sull’attività tipografica a Potenza Picena, dall’Unità d’Italia fino ad oggi.
Il primo documento che parla dell’insediamento di una tipografia a Potenza Picena risale al 1890, quando un certo Luigi Gavasci di Civitanova Marche vuole trasferire la sua attività tipografica da Sarnano a Potenza Picena. Il comune di Potenza Picena accoglie la sua richiesta mettendo a disposizione i locali del complesso di S. Agostino. A questo proposito in archivio ultimamente ho trovato un loro manifesto stampato nel 1890, altro non è emerso.
Risulta alla fine dell’Ottocento e agli inizi del Novecento operante la Tipografia di Gaudenzio Rampioni e figli. Gaudenzio era il padre di Francesco Rampioni che poi nel 1927 aprirà una tipografia a Porto Recanati.
Nel 1905 iniziano l’attività tipografica invece i tre fratelli Boni, Giambattista, Bono e Odoardo. Questi tre fratelli erano anche editori di una rivista musicale, “La Cappella Aloisiana. Rivista delle riviste di Musica Sacra” e per la sua stampa hanno costituito una tipografia, operante prima a Montefortino, poi a Potenza Picena e nel 1912 trasferita definitivamente a Fermo.
Dopo l’esperienza dei fratelli Boni e della Tipografia Rampioni, non c’è più traccia di tipografie presenti a Potenza Picena. Per i lavori tipografici la nostra comunità si doveva rivolgere alla Tipografia Smorlesi di Montelupone oppure a Tipografie di Macerata, Civitanova, Recanati oppure da Francesco Rampioni a Porto Recanati.
La Tipografia Cingolani è stata il luogo dove sono stati stampati gli oltre 3.800 sonetti del prof. Arturo Sardini, i libri di poesie di Serafino Sargentoni, Roberto Marconi, Ismail Iljasi, dove sono stati stampati i lavori artistici di Mauro Mazziero, manifesti e locandine delle innumerevoli mostre del locale Fotoclub e della Fototeca Comunale “Bruno Grandinetti”.

Arnaldo Cingolani all'interno della tipografia in una foto di Giuliano Margaretini.

Arnaldo Cingolani all’interno della tipografia in una foto di Giuliano Margaretini.

Anche il nostro blog è nato il giorno 15 maggio 2008 in questa Tipografia, grazie alla disponibilità di Arnaldo e alla competenza di Rodolfo, suo figlio, oggi titolare della tipografia e web master del nostro blog. Anche la figlia di Nando, Paola, è impegnata in questo progetto, scrivendo i testi e scansionando foto e documenti.
Quindi non solo tipografia, ma luogo dove un piccolo cenacolo di artisti, intellettuali, poeti, storici e ricercatori possono trovare ascolto e spazio, contando sempre sulla cortesia, disponibilità e competenza di un grande maestro come Arnaldo Cingolani e di suo figlio Rodolfo, genio dell’informatica. La comunità di Potenza Picena deve essere orgogliosa di questa famiglia che da Recanati ha arricchito il nostro patrimonio culturale e professionale.
Oggi la Tipografia è gestita dal figlio Rodolfo e collabora come dipendente Giuseppe Massera, Presidente della Società di Pallavolo Potentina Volley che quest’anno ha conquistato con merito la serie A1, anche se purtroppo per motivi economici hanno dovuto rinunciarvi.

Documento allegato:

Articoli correlati:

Read Full Post »

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: