Feeds:
Articoli
Commenti

Posts Tagged ‘Corale S. Stefano’

Concerto Banda & Corale Natale 2018

Concerto della Complesso Bandistico Città di Potenza Picena e della Corale “S. Stefano” di Potenza Picena.

A cura di Simona Ciasca e Paolo Onofri
Il giorno sabato 22 dicembre 2018, alle ore 21,30, presso l’Auditorium “Ferdinando Scarfiotti” di Potenza Picena la Banda cittadina locale, insieme alla Corale S. Stefano, hanno offerto alla nostra città un bellissimo concerto di Natale.
È la prima volta che la nostra Banda Cittadina, insieme alla Corale S. Stefano, si cimenta in un concerto di Natale, e visto l’ottimo risultato di partecipanti e di qualità musicale, ci si augura che questa bellissima esperienza possa essere ripetuta ogni anno.
La Banda Cittadina, il cui presidente è Mario Romagnoli, è stata diretta dal M° Samuele Travaglini, mentre la Corale S. Stefano, il cui Presidente è Giuseppe Tomassini, è stata diretta da don Erminio Cognigni, per un totale di 70 componenti.
Il concerto è stato promosso dal nostro comune, Ass.to Cultura e Turismo, che è stato rappresentato nella serata dall’Assessore ai Lavori Pubblici Arch. Luisa Isidori. Presentatrice della serata la Sig.ra Stefania Offidani di Porto Potenza Picena.
Al concerto erano presenti anche il nostro Parroco p. Michele Ardò, il suo vice p. Lorenzo Turchi e p. Gabriele Lazzarini. Il numeroso pubblico ha molto gradito i brani del concerto, mentre il servizio fotografico della serata è stato fatto da Sergio Ceccotti, che gentilmente ci ha consentito di utilizzare in esclusiva tutte le sue bellissime foto.

Articoli correlati:

Annunci

Read Full Post »

Pergamena del Prof. Giuseppe Asciutti.Nel 1976, il giorno 31 ottobre, a Potenza Picena la Comunità delle Clarisse di San Tommaso ha festeggiato l’anniversario dei 750 anni della fondazione del loro Monastero, uno dei più antichi insediamenti del secondo ordine francescano.
I festeggiamenti sono stati organizzati da un comitato promotore, composto da fra Salvatore Pantoni, don Erminio Cognigni, direttore del coro della Cappella di S. Stefano, Eliseo Fratalocchi, Mauro Mancini e padre Mario Silvestrini.
Il primo documento che riguarda il Monastero di Monte Santo è un breve del Pontefice Gregorio IX del 20 ottobre 1227. Il monastero di Monte Santo, secondo la tradizione, sarebbe stato fondato, vivente Santa Chiara, da due consorelle della Santa.
Il programma delle celebrazioni prevedeva un momento religioso, con la solenne messa all’interno della Chiesa di San Tommaso Apostolo, celebrata dal vescovo di Fermo Mons. Cleto Bellucci. Inoltre un concerto lirico, vocale e strumentale, presso l’Auditorium della Chiesa di San Francesco, presente il coro della Cappella Musicale “S. Stefano”, diretto da don Erminio Cognigni, con i seguenti cantanti lirici: Edda Piccinini, soprano, Jordy Ramiro, tenore, Eliseo Fratalocchi, basso, Luigino Savoretti, tenore. Al pianoforte la Prof.ssa Emma Raggi Valentini, mentre all’organo il M° Edgardo Latini.
Il Comune di Potenza Picena ha fatto dono alle monache Clarisse di una targa ricordo, mentre le monache, tramite la loro badessa Suor Maria Antonietta Morresi, hanno donato al nostro Sindaco Maria Magi, una originalissima pergamena eseguita dal Prof. Giuseppe Asciutti.

Manifesto dei festeggiamenti dei 750 anni del Monastero delle  Clarisse.

Manifesto dei festeggiamenti dei 750 anni del Monastero delle Clarisse. Foto Sergio Ceccotti.

Il servizio fotografico della giornata, sia all’interno della Chiesa di San Tommaso Apostolo che nella Chiesa di San Francesco, è stato eseguito da Bruno Grandinetti.
Hanno infine parlato molto ampiamente di questa celebrazione dei 750 anni di fondazione del Monastero di San Tommaso delle Clarisse di Potenza Picena l’Osservatore Romano del giorno 17/11/1976, firmato da Chiara Montesanto, ed il Resto del Carlino nei giorni 21/10/1976, 29/10/1976 e 6/11/1976.

Articoli correlati:

Read Full Post »

a cura di Simona Ciasca e Paolo Onofri

Fabio Quarchioni

Fabio Quarchioni

Nei giorni 22 e 23 Novembre del 1997, cioè venti anni fa, si è svolto a Potenza Picena presso il Teatro “Bruno Mugeilini”, il XXXIII Convegno di Studi Storici Maceratesi. Era la prima volta che Potenza Picena veniva scelta dall’Associazione e tutto questo grazie all’impegno del dott. Roberto Domenichini.
Uno dei più interessanti interventi nel Convegno è stato sicuramente quello di Fabio Quarchioni e Paolo Peretti sul tema “Contributo per una storia della musica a Potenza Picena (già Monte Santo)”.
Nell’ambito del Convegno ci sono stati altri interventi che riguardavano Potenza Picena, tra cui quello del dott. Roberto Domenichini “Aspetti della società e dell’economia santese nel tardo Trecento”, di Gessica Zallocco “Il Monte di Pietà santese nei sec. XVI-XVII”, di Sabrina Grandinetti “Le case coloniche e poderi a Monte Santo tra Settecento ed Ottocento”, di Carlo Pongetti “L’Emigrazione transoceanica dal maceratese: il caso di Potenza Picena”. In quella straordinaria occasione per Potenza Picena, abbiamo avuto la possibilità di conoscere i migliori studiosi delle Marche, tra cui Fabio Quarchioni, organologo, che insieme al prof. Paolo Peretti ha analizzato la storia di Monte Santo per quanto riguarda la musica, le sue istituzioni, i personaggi e gli strumenti, cioè gli organi antichi di cui Quarchioni era uno dei massimi esperti in campo regionale.

 

Organo da sala Giovanni Fedeli del 1757. Foto Sergio Ceccotti.

Organo da sala Giovanni Fedeli del 1757. Foto Sergio Ceccotti.

Grazie a lui e a Paolo Peretti è stato valorizzato l’organo da “sala” della chiesa di Sant’Agostino, fino a quel momento un anonimo strumento, e sempre loro hanno trovato, dietro alla canna centrale dell’organo, la firma del costruttore, cioè Giovanni Fedeli della Rocchetta di Camerino, e l’anno di costruzione, cioè il 1757. Da quel momento l’anonimo organo di Sant’Agostino è diventato importantissimo nel panorama marchigiano ed italiano, uno dei pochi organi da sala arrivato fino a noi. Nei 2007, il giorno 8 dicembre, è stato inaugurato ufficialmente dopo un lungo restauro effettuato da Michel Formentelli di Camerino.
Fabio Quarchioni e Paolo Peretti nel loro intervento al Convegno hanno approfondito la conoscenza sia della nostra Banda Cittadina che della Corale Santo Stefano, degli altri organi presenti oggi nella nostra realtà, come quello dei F.lli Bazzani della Collegiata di Santo Stefano del 1848, lo Zeno Fedeli degli inizi del Novecento dei Frati Minori ed il Morettini degli inizi del Novecento della chiesa di San Giacomo Maggiore a Galiziano; hanno approfondito lo studio dei musicisti santesi, tra cui padre Antonio Maria Costantini, padre Gaetano Filppetti, Francesco Quadrini, Alessandro Rinaldelli, don Gabriele Giuseppe Giorgini, padre Valentino Mataloni, don Giovanni Battista Boni, Arturo e Flavio Clementoni.
Fabio Quarchioni per conto dell’Associazione Marchigiana Organistica ha contribuito al censimento regionale di tutti gli organi delle Marche.

cop-storia-musica-potenza-picena

 Contributo per una storia della musica a Potenza Picena

Fabio Quarchioni, psichiatra, è morto a Macerata il giorno 27 Giugno 2017, dopo una lunga malattia. Lascia la moglie Luciana Polverini, medico di base e la figlia Enrica, studentessa universitaria. La nostra comunità ringrazia Fabio Quarchioni per aver dato un notevole contributo nello studio della storia musicale di Monte Santo, delle sue istituzioni, dei musicisti e degli strumenti, gli organi antichi.
Proponiamo agli Amici della Musica di Potenza Picena di organizzare un concerto d’organo dedicato a Fabio Quarchioni presso l’Auditorium “Ferdinando Scarfiotti”, quando verrà riaperto.

Articoli correlati:

Read Full Post »

padre Pietro Carlucci, foto ASCPP.

padre Pietro Carlucci, foto ASCPP.

Padre Pietro Carlucci dell’Ordine dei Frati Minori, grande musicista e maestro d’organo, il giorno 19/2/1956, in occasione del suo 50° anniversario di ordinazione sacerdotale è stato insignito dal Consiglio Comunale di Potenza Picena della cittadinanza onoraria della nostra città, Sindaco il Prof. Lionello Bianchini. Chi era p. Pietro Carlucci?
Era un frate dell’Ordine dei Francescani Minori, nato a Jesi il giorno 27/2/1883 da Antonio e Anna Barocci. Sacerdote dal 1906, già a soli 6 anni si racconta che suonava l’organo della sua Parrocchia.
P. Pietro Carlucci ha frequentato il Conservatorio Musicale “G.B. Martini” di Bologna dove si è diplomato il giorno 22/12/1913 in organo e composizione musicale.
Si tenga conto che si è diplomato nello stesso conservatorio dove ha studiato, insegnato e diretto il M° Bruno Mugellini, che è morto a Bologna il giorno 15/1/1912. Sicuramente i due grandi musicisti si sono incontrati e conosciuti. È stato allievo del grande M° Ulisse Matthey, organista della Santa Casa di Loreto dal 1907 al 1913.
P. Pietro CarlucciNonostante i suoi meriti nel campo musicale ha deciso di continuare la sua vocazione religiosa nella famiglia francescana, declinando l’offerta allettante che gli era stata fatta dal M° Amilcare Zanella per insegnare al Conservatorio Rossini di Pesaro organo e composizione organistica. Padre Pietro Carlucci è stato per molti anni nel Convento dei Frati Minori di Potenza Picena, dal 1921 al 1927 (dal 1924 al 1927 è stato anche guardiano), poi dal 1933 al 1939 ed infine dal 1943 al 1948 dove nel locale collegio ha insegnato ai fratini matematica e lingue e sarà anche loro direttore.
Durante la sua permanenza a Potenza Picena ha collaborato con la Corale S. Stefano, suonando in molte occasioni.
È morto a Sassoferrato il giorno 6/9/1969. Potenza Picena lo ricorda con grande affetto e riconoscenza.

Documemto allegato:

pdficon_large p_pietro_carlucci_20160618.pdf – Pubblicazione del 1983 dedicata al centenario della nascita di padre Pietro Carlucci, a cura di padre Armando Pierucci. Archivio Storico Comunale – Fondo Mons. Giovanni Cotognini.

Articoli correlati:

Read Full Post »

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: