Feeds:
Articoli
Commenti

Posts Tagged ‘giulio douhet’

A cura di Simona Ciasca e Paolo Onofri

Una delle più importanti aziende vitivinicole del nostro territorio è sicuramente l’Azienda Casalis Douhet di Monte Coriolano, che risale, sembrerebbe, al 1899; abbiamo, inoltre, a Potenza Picena altre due aziende: la Santa Cassella e la Cooperativa Montesanto.

Il fondatore di questa azienda, il senatore Bartolomeo Casalis, che è stato anche Prefetto di Macerata, era di Torino ed ha acquistato i terreni un tempo di proprietà della Prepositura di Santo Stefano, dati in enfiteusi ai conti Matteucci di Fermo.

I vigneti di questa importante tenuta erano già presenti quando il senatore Bartolomeo Casalis ha acquistato questi terreni, oppure li ha introdotti lui?

Dai documenti d’archivio storico emerge che la data del 1899 è innanzitutto sbagliata, in quanto l’attività della casa vinicola Casalis è documentata già molti anni prima, nel 1880 risulta come conduttore il figlio del Senatore Casalis, Francesco (enologo), mentre nel 1899 risultano ben 250.000 viti su 33 ettari di terreno.

I vigneti della tenuta Casalis Douhet di Montecoriolano di Potenza Picena. Foto tratta dal libro “Il Fascino della Storia, il respiro del Mare” Op. Cit.

I vigneti in origine dovrebbero essere stati introdotti addirittura dai frati francescani conventuali che avevano il possesso di tali terreni, compresa la villa e la chiesa di San Francesco.

Questo particolare dei vigneti di Monte Coriolano è citato già nel 1852 nel libro scritto da Carlo Cenerelli Campana “Istoria dell’antica città di Potenza rediviva in Montesanto” (pagina 16 di questo testo).

Quindi da questo documento storico si può desumere che la presenza di questi vigneti è molto più antica di quanto noi oggi crediamo e va sicuramente fatta risalire ai frati francescani conventuali.

Indubbiamente un importante ruolo nel miglioramento di questi vigneti si deve al senatore Bartolomeo Casalis, al figlio Francesco, avvocato ed enologo, alle figlie Teresa e Ida, ma in particolare al generale Giulio Douhet, marito di Teresa Casalis.

Questo chiarimento è doveroso, anche per sfatare la tesi per cui la produzione di vino nella nostra realtà è stata introdotta dai piemontesi Casalis e da Lodovico Scarfiotti, il nonno del grande pilota di Formula uno. Anche le famiglie locali dei Bonaccorsi e dei Marefoschi erano grandi produttori di vino.

Villa Casalis a Montecoriolano di Potenza Picena.

Da un documento del nostro Archivio Storico risulta inoltre che l’Azienda delle sorelle Casalis (così si chiamava all’epoca) esportava il suo vino addirittura in Argentina, fin da 1910.

Queste notizie storiche valorizzano ancora di più la storia e la tradizione della casa vitivinicola di Monte Coriolano di Potenza Picena, di cui possiamo essere orgogliosi.

Articoli correlati:

Read Full Post »

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: