Feeds:
Articoli
Commenti

Posts Tagged ‘giuseppe giordani’

Giordaniel copertina

Copertina del Rondò

Il Monastero di San Tommaso delle Clarisse di Potenza Picena è stato chiuso nel 2008 e le ultime monache trasferite al Monastero di Pollenza. Questa antica istituzione religiosa di Monte Santo, le cui origini risalgono addirittura a prima del 1227, conservava al suo interno una partitura musicale manoscritta di fine Settecento del compositore napoletano Giuseppe Giordani, detto Giordaniello. Si tratta dell’opera Rondò, tratta da “Alciade e Telesia”, composta alla fine del Settecento, dove nella copertina si trova la seguente dicitura “Per uso della sig.na Michelina Tintori”.
Questo antico documento era stato trovato da Mauro Mazziero all’interno del Monastero delle Clarisse e consegnato all’economo comunale, dott.ssa Simona Ciasca. Quando il giorno 4 Novembre 2017 la partitura musicale è stata depositata dalla dott.ssa Simona Ciasca presso l’archivio storico Comunale di Via Trento, come al solito mosso da curiosità storica ed intellettuale, ho chiesto al prof. Gianfranco Morgoni di fare una ricerca minuziosa in rete per acquisire informazioni sul compositore napoletano Giuseppe Giordani..

nypl.digitalcollections.510d47de-0fde-a3d9-e040-e00a18064a99.001.w

Music Division, The New York Public Library. “Giuseppe Giordani” The New York Public Library Digital Collections

Gianfranco Morgoni ha trovato molto materiale su questo personaggio. Risulta nato a Napoli il giorno 19/12/1751 ed è morto a Fermo, nelle Marche, il giorno 4/1/1798. Con la rappresentazione delle sue opere “La morte di Abele” e “La distruzione di Gerusalemme” è stato inaugurato tra il 1790 e il 1791 il Teatro dell’Aquila di Fermo.
Inoltre abbiamo trovato a Fermo un Centro Studi dedicato proprio a Giuseppe Giordani, il cui Presidente è il prof. Ugo Gironacci ed il vice-Presidente il prof. Italo Vescovo.
Abbiamo quindi scritto subito una email a questo centro studi di Fermo, segnalando il ritrovamento di questa partitura musicale del Giordani. Dopo qualche giorno il prof. Ugo Gironacci ci ha risposto, dimostrando molto interesse a poter visionare il testo della partitura, chiedendoci di scansionarla ed inviargliela.
Dopo aver avuto l’autorizzazione da parte della dott.ssa Simona Ciasca abbiamo scansionato il testo e lo abbiamo inviato al prof. Ugo Gironacci a Fermo.
Dall’esame del testo è emerso che la partitura in nostro possesso il “Rondò” è rarissima. In Italia se ne trovano solo due copie, una a Faenza ed una al Conservatorio di Milano. Inoltre il prof. Ugo Gironacci ha voluto riordinare in maniera corretta le facciate della partitura. Vista l’importanza del documento in nostro possesso, il prof. Ugo Gironacci si è impegnato di venire a Potenza Picena per visionarlo di persona presso il nostro Archivio Storico comunale.
Con l’occasione ci farà dono di alcune pubblicazioni che lui con il prof. Italo Vescovo, hanno scritto sul compositore Giuseppe Giordani, detto Giardaniello, nel corso di questi anni.
Firma Giuseppe GiordaniGrazie alla disponibilità dell’economo comunale ed alla collaborazione con il Centro Studi Giuseppe Giordani di Fermo, ed in particolare con il suo Presidente il prof. Ugo Gironacci, siamo riusciti a valorizzare adeguatamente questa partitura musicale proveniente dal Monastero di San Tommaso delle Clarisse di Potenza Picena, di cui essere orgogliosi.

pdficon_large Telesia-S ‘Dall’affanno del tuo core’ (Rondò da ‘Alciade e Telesia’ II-12).pdf

tratto da “Alciade e Telesia” (verosimilmente: Roma, Teatro Argentina, carnevale 1788), Atto Secondo, scena 12. Il Rondò è di Telesia, moglie di Alciade re di Armenia.
La prima rappr. fu a Bologna (teatro Zagnoni, carn. 1787) ed era in tre atti ed il rondò era nel terzo atto scena 2.

Articoli correlati:

Read Full Post »

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: