Feeds:
Articoli
Commenti

Posts Tagged ‘michel formentelli’

A cura di Simona Ciasca e Paolo Onofri

Potenza Picena, dopo aver fatto restaurare ed inaugurare il giorno 8 dicembre 2007 l’organo da sala Giovanni Fedeli del 1757, restaurato da Michel Formentelli di Camerino, presso l’Auditorium “Ferdinando Scarfiotti”, nella ex chiesa di Sant’Agostino, due anni dopo, il giorno 26 dicembre 2009, ha potuto assistere con grande soddisfazione ad un’altra importante inaugurazione di un organo restaurato.

Si è trattato dell’organo a canne presente presso la cantoria della Collegiata di Santo Stefano, costruito nel 1848 dalla ditta di Giacomo Bazzani e figli di Venezia.

Anche in questo caso il restauro dell’organo è stato eseguito con molta professionalità da Michel Formentelli di Camerino ed è costato la somma di Euro 55.000. La Parrocchia dei Santi Stefano e Giacomo di Potenza Picena è riuscita ad ottenere un sostanzioso contributo economico da parte del­la Fondazione Carima di Macerata di Euro 21.000.

Il restauro di Michel Formentelli è iniziato il giorno 16 aprile del 2008 ed i lavori sono stati seguiti per la Soprintendenza di Urbino dal M° Mauro Ferrante, Ispettore Onorario.

Il concerto di inaugurazione del restaurato organo Bazzani si è tenuto il giorno sabato 26 dicembre 2009, Santo Stefano, Patrono della nostra città.

Locandina inaugurazione organo Bazzani. Collegiata Santo Stefano di Potenza Picena.

All’organo Bazzani si è esibito il maestro Mauro Buscarini con la Corale Santo Stefano di Potenza Picena, diretta dal maestro Danilo Tarquini e la Cappella Musicale della Santa Casa di Loreto, diretta dal maestro padre Giuliano Viabile e in quell’occasione sono stati eseguiti brani di Girolamo Frescobaldi, Bernardo Pasquini, Domenico Zipoli, Valentin Rathgeber e Biancamaria Furgeri.

Il restauro dell’organo Bazzani della Collegiata di Santo Stefano è stato avviato dal compianto parroco don Carlo Leoni e portato a termine dal parroco don Andrea Bezzini.

Articoli correlati:

Read Full Post »

IMG_9886Il giorno 8 Dicembre 2007, cioè 10 anni fa, veniva ufficialmente inaugurato il restaurato organo da sala Giovanni Fedeli del 1757 a Potenza Picena.
L’organo è stato restaurato da Michel Formentelli di Camerino e l’intervento è costato la somma di Euro 53.217 + Iva.
Il nostro Comune ha ricevuto per questo restauro un contributo economico di Euro 25.000 da parte della Fondazione Cassa di Risparmio di Macerata.
L’organo da sala Giovanni Fedeli del 1757, oggi collocato all’interno dell’Auditorium “Ferdinando Scarfiotti” nella zona dell’abside, un tempo era posto nella cantoria della struttura e fino al 1997 era un anonimo organo antico. In quel periodo il prof. Paolo Peretti e l’organologo Dott. Fabio Quarchioni hanno scoperto la firma, dietro alla canna centrale del’organo, del costruttore della Rocchetta di Camerino, Giovanni Fedeli, e l’anno di costruzione, cioè il 1757. Da quel giorno l’organo di Sant’Agostino di Potenza Picena è diventato molto importante nel panorama degli organi antichi marchigiani e nazionali, essendo uno dei pochi sopravvissuti nel tempo di organo da sala. Il restauro effettuato magistralmente da Michel Formentelli di Camerino, ha potuto riportare all’antico splendore sia musicale che strutturale lo strumento di Giovanni Fedeli.
Il concerto di inaugurazione è stato anche l’occasione di presentare, in occasione del 250° anniversario della sua costruzione (1757-2007), una pubblicazione sullo strumento, la sua storia, il suo restauro, curata da Renza Baiocco con la collaborazione dei prof. Mauro Ferrante, Paolo Peretti e di Marco Coppari. Insieme al libro un CD contenente 23 tracce musicali eseguite con l’organo Fedeli. Il progetto editoriale si è potuto concretizzare grazie al contributo economico dell’Istituto di Riabilitazione S. Stefano di Porto Potenza Picena.
IMG_9832Hanno suonato l’organo i Maestri Mauro Ferrante e Luca Scandali con il soprano Elisabetta Gagliardoni ed il gruppo Ensamble Novalis ed hanno eseguito brani di Albinoni, Galuppi, Pergolesi e Vivaldi.
Si ringrazia il fotografo di Potenza Picena Luigi Anzalone per averci messo gentilmente a disposizione le foto dell’inaugurazione dell’organo.

pdficon_largerelaz_formentelli_optimize.pdf – Progetto-preventivo di restauro dell’Organo Giovanni Fedeli del 1757.

Articoli correlati:

Read Full Post »

A cura di Simona Ciasca e Paolo Onofri

Organo da sala Giovanni Fedeli del 1757. Foto Sergio Ceccotti.

Organo da sala Giovanni Fedeli del 1757. Foto Sergio Ceccotti.

Potenza Picena possiede all’interno del suo patrimonio artistico uno straordinario organo da sala Giovanni Fedeli del 1757.
L’organo in oggetto nel passato si trovava nella cantoria della Chiesa di Sant’Agostino di Potenza Picena ed era stato abbandonato al suo destino, come era successo per l’intero complesso degli Agostiniani. L’importanza di tale organo è stata sempre messa in risalto dal fotografo Bruno Grandinetti, ma solo il 10/7/1997, quando gli studiosi Paolo Peretti e Fabio Quarchioni hanno individuato l’autore dello strumento e l’anno di costruzione dietro alla canna centrale, la sua importanza storica e strumentale è risultata evidente.
Dalle loro ricerche è emerso che l’organo proveniva dal Monastero delle Clarisse locali che lo avevano acquistato nel 1766 dai conti Compagnoni Marefoschi.
Questa nobile famiglia santese, famosa per il suo mecenatismo in campo musicale, dovrebbe averlo commissionato al costruttore Giovanni Fedeli della Rocchetta di Camerino, l’attuale Corgneto di Serravalle di Chienti, nato il 22/10/1711 e morto il 26/4/1782, per tenerlo nel loro palazzo nobiliare di Via Silvio Pellico, dove si trova il Teatro “Aurora”, all’epoca salone dei ricevimenti e delle feste della famiglia.
Dopo che l’Amministrazione Comunale, guidata all’epoca dal Sindaco Mario Morgoni, ha avviato il recupero della Chiesa di Sant’Agostino, per una spesa complessiva di lire 1.150.000.000, anche il restauro di questo straordinario strumento del Settecento è rientrato nell’ambizioso progetto.
Il lavoro è stato affidato successivamente dal Sindaco Sergio Paolucci al restauratore di Camerino Michel Formentelli, per un importo di Euro 53.217 + IVA (il Comune ha potuto anche usufruire di un contributo da parte della Fondazione Carima di Euro 25.000). Il restauro è stato presentato alla popolazione di Potenza Picena il giorno 31 agosto del 2006, alle ore 16,00 alla presenza del restauratore Michel Formentelli, dell’Ispettore Onorario della Soprintendenza di Urbino, il M° Mauro Ferrante, degli studiosi Paolo Peretti e Fabio Quarchioni.

Organo da sala Giovanni Fedeli del 1757. Foto Sergio Ceccotti.

Interno Auditorium F. Scarfiotti. Foto Sergio Ceccotti.

Hanno suonato lo strumento restaurato i Maestri Mauro Ferrante e F. Muñoz (Spagna).
È stata sicuramente una giornata memorabile per la comunità di Potenza Picena che è ritornata in possesso di questo straordinario strumento del 1757, riascoltando a distanza di tanti anni di silenzio forzato, la sua meravigliosa melodia.
Ancora una volta un sogno di Bruno Grandinetti, il restauro dell’antico organo della Chiesa di Sant’Agostino, si è realizzato anche grazie alla sua perseveranza.
Questo articolo viene arricchito da un servizio fotografico curato con molta professionalità da Sergio Ceccotti, che ringraziamo.

Articoli correlati:

Read Full Post »

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: