Feeds:
Articoli
Commenti

Posts Tagged ‘nazario sauro’

Piazzale Nazario Sauro oggi

Piazzale Nazario Sauro oggi

A cura di Simona Ciasca e Paolo Onofri

Nel nostro Centro Storico c’è una zona del paese che veniva chiamata Pozzo del Comune, oggi Piazzale Nazario Sauro.

Tutti popolarmente ricordano questa zona del nostro centro storico con il nome di “Pozzetto” o “Lo pozzo”.

Perché questo nome particolare? C’era in questo quartiere popolare del nostro centro storico un pozzo di raccolta delle acque piovane, profondo metri 12,50, compresi metri 4,50 di acqua. Anche un’altra zona poco distante portava un nome particolare, “Pozzo della Farina”, l’attuale Via Piave.

Nel nostro ricchissimo archivio storico comunale di Via Trento nel libro delle adunanze e delle delibere del consiglio comunale del giorno 19/4/1872, ed in quello della Giunta Municipale del 15/3/1872, il giorno 11 Marzo 1872 viene ricordato un episodio che ha visto un giovane locale salvare dal sicuro annegamento un anziano.

Erano presenti al fatto, avvenuto alle ore 7,30 del mattino, Giuseppa Camilletti e Giovanni Luzi detto il “poeta”.

L’anziano di nome Cesare Micucci di 68 anni, pensionato che un tempo svolgeva il compito di guardiano delle nostre carceri, era caduto accidentalmente all’interno del pozzo del comune e stava rischiando di annegare. Un giovane di Potenza Picena dell’età di 21 anni, Ferdinando Percossi, dopo 30 minuti è sceso nel pozzo con una lunga scala e lo ha salvato da sicura morte, portandolo fuori a spalla.

Il nostro comune per questo suo nobile gesto eroico lo ha voluto premiare. Ferdinando Percossi era un giovane canepino nato il giorno 4/5/1851 da Domenico e da Gonelli Paola ed abitava in contrada S. Antonio, l’attuale Via Tripoli, quindi poco distante dal pozzo del comune.

Nazario Sauro

Nazario Sauro

L’uomo che lui ha salvato dalla sicura morte Cesare Micucci era originario di Panicale (Pg), che all’età di 3 anni aveva avuto un tocco di apoplessia. Viveva nella nostra città in contrada San Sisto con la moglie Livio Carolina, cieca, e la figlia Filomena. Morirà poi il 18/9/1872.

Abbiamo voluto ricordare questo straordinario avvenimento a distanza di 147 anni perché ci è sembrato giusto rendere un doveroso omaggio al coraggio di questo giovane canepino.

 

cartina-centro-storico-fine-800-med-res.jpg

Planimetria del Centro Storico di Potenza Picena di Fine Ottocento

Articoli correlati:

Read Full Post »

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: