Feeds:
Articoli
Commenti

Posts Tagged ‘orologio torre’

1°_DSC3188Il Monastero delle Clarisse di Potenza Picena è stato chiuso nel 2008 e le ultime monache si sono trasferite nel Monastero di Pollenza. Tra i tanti beni del Monastero che sono stati ceduti al comune di Potenza Picena, troviamo anche un antico orologio da parete, non funzionante, con il quadrante in legno, decorato finemente.
Sul retro del quadrante si può leggere la firma del costruttore francese, Pietro Gautier, ed il n° 72. Secondo la tradizione orale delle nostre monache, che ci è stata riferita dal sig. Franco Clementoni, che per i lavori edili frequentava spesso il nostro Monastero, questo orologio dovrebbe risalire al settecento.
Per una conferma di questa ipotesi, abbiamo chiamato il sig. Sauro Corinaldi di Cingoli, esperto in materia di antichi orologi da torre, che tra l’altro ha restaurato nel 2004 l’orologio Isidoro Sommaruga del 1887 che oggi si trova nel foyer del Teatro “Bruno Mugellini”.
Il giorno Mercoledì 7 Marzo 2018, è venuto a Potenza Picena sia per visionare l’impianto Sommaruga del 1887, che l’orologio da parete di Pietro Gautier presso la nostra Pinacoteca Comunale “Benedetto Biancolini” in Via Trento.
Dopo aver visionato questo antico orologio da parete delle Clarisse, il sig. Sauro Corinaldi ha potuto confermare l’antichità dello strumento, sicuramente settecentesco, se non più antico. Ha per l’occasione fatto delle foto sia al quadrante che all’impianto, che purtroppo non è completo, anche se per i pezzi mancanti è possibile la loro ricostruzione per poterlo rendere ancora funzionante.
Si è impegnato a far visionare tutte le foto dell’orologio a dei suoi amici, esperti in questa tipologia di orologi. Ha fatto inoltre presente di aver visto a Firenze, presso il Museo Leonardo, alcuni orologi similari al nastro.

8°_DSC3201

Orologio Pietro Gautier da parete. Bene donato dalle Clarisse di Potenza Picena. Foto di Sergio Ceccotti.

Comunque ci ha confermato che anche in questo caso l’orologio in questione è un pezzo rarissimo, quindi molto importante da valorizzare adeguatamente all’interno della nostra Pinacoteca Comunale.
Ringraziamo il Sig. Sauro Corinaldi per la sua visita e la sua gratuita consulenza storica.

Articolo correlato:

Annunci

Read Full Post »

Torre civica vista dal versante di via Mariano Cutini. Foto Sergio Ceccotti.

Torre civica vista dal versante di via Mariano Cutini. Foto Sergio Ceccotti.

Il giorno Martedì 24 Novembre 2015, in mattinata, è venuto a Potenza Picena il tecnico Adriano De Santis di Fermo chiamato dall’economo comunale, dott.ssa Simona Ciasca, per poter effettuare l’intervento sul nostro orologio della Torre Civica, impianto non più funzionante da diversi mesi.
L’intervento del sig. De Santis ha riattivato il meccanismo che consente il suono armonioso delle ore e dei quarti, avendo sostituito in blocco l’impianto che suona le ore, martello che batte su di una campana molto grande del diametro di cm. 120, fusa nel 1950 dalla fonderia Pasqualini di Fermo.
All’interno della cella campanaria ci sono nel complesso n°4 campane, sempre fuse nel 1950 dalla Fonderia Pasqualini, oggi tutte purtroppo bloccate dal tempo, con i batocchi interni completamente arrugginiti.
L’intervento complessivo del sig. Adriano De Santis è costato la somma di Euro 718,00 + Iva.
La popolazione di Potenza Picena e non solo si era mobilitata nei giorni scorsi, grazie all’iniziativa di Nazzareno Girotti, e nel giro di un mese, dal giorno 28 Settembre 2015 al giorno 29 Ottobre 2015, sono state raccolte n° 560 firme che sono state consegnate nelle mani del nostro Sindaco Francesco Acquaroli nel corso del consiglio comunale del 29/10/2015, nel contesto dell’Auditorium “Ferdinando Scarfiotti”.
Il passo successivo sarà la sostituzione del quadrante arrugginito del versante di Via Mariano Cutini. È uno spettacolo indecoroso la vista di questo quadrante completamente arrugginito, ed il nostro obiettivo è quello di farlo sostituire con un’altro e renderlo anche questo funzionante, in abbinamento con il quadrante della Piazza Matteotti. Si tenga conto che il nostro orologio risultava già a doppio quadrante nel 1852, quando si parla della Torre Civica nel libro sulla storia di Monte Santo di Carlo Cenerelli Campana. All’epoca la Torre Civica poteva ancora vantare la cuspide ed era alta complessivamente metri 46,90 (rispetto agli attuali 34,50), una dalle più alte della Provincia di Macerata, a doppio quadrante che all’epoca era in pietra a numeri arabi (1,2,3,4 ecc..), poi sostituito nel 1887 con il lamierone in ferro della Ditta Isidoro Sommaruga di Milano, con i numeri romani (I,II,III,IV ecc…), come è anche oggi.

dsc_2721

Vecchio quadrante ottocentesco. Foto Sergio Ceccotti.

Allo scopo si potrebbe recuperare l’antico quadrante che si trovava un tempo sul versante di Piazza Matteotti e rimosso negli anni Sessanta, oggi abbandonato all’interno del chiostro di Sant’Agostino, che potrebbe essere restaurato e ricollocato sulla parete, ripristinando anche l’antico meccanismo che lo collegava all’impianto dell’orologio, ancora oggi presente all’interno della Torre Civica.
Ringraziamo in questa felice circostanza Nazzareno Girotti che ha promosso l’iniziativa della raccolta delle firme per far riattivare 1’impianto dell’orologio ed ha provveduto a ripulire anche l’interno della Torre e la cella campanaria, l’economo comunale, dott.ssa Simona Ciasca, che si è impegnata per far riattivare da parte del tecnico di Fermo Adriano De Santis l’impianto dell’orologio, autorizzando la ripulitura della Torre e della cella campanaria.
Grazie anche all’Amministrazione Comunale che ha saputo dare ascolto alla richiesta dei nostri concittadini ed ha stanziato la somma necessaria in Bilancio. La Torre Civica oggi, grazie all’impegno dei volontari e alla disponibilità di Simona Ciasca, è di nuovo accessibile senza problemi, avendola liberata dalla presenza di piccioni e da diversi quintali di escrementi che si erano accumulati negli anni. Sono stati portati via con i mezzi del Cosmari ben due camion interi di sacchi pieni di escrementi raccolti sia lungo le scalinate, i pianerottoli e sulla cella campanaria della Torre Civica.

dsc_2900

Pianta di fico cresciuta nel terrazzetto sovrastante la torre. Foto Sergio Ceccotti.

Mai più la nostra Torre Civica, le cui origini risalgono all’anno 1732 quando fu posta la prima pietra, deve essere abbandonata al degrado più totale ed in preda ai piccioni, dove addirittura sopra al terrazzetto è cresciuta una pianta di fico, che sta danneggiando il monumento e va tolta immediatamente. Anzi battiamoci per farla restaurare internamente e renderla finalmente visitabile ai cittadini ed ai turisti. Il panorama che si può vedere dell’alto della torre è veramente straordinario!

Articolo correlato:

Read Full Post »

torre_civica Sta raccogliendo un grande successo tra la popolazione di Potenza Picena e non solo, la raccolta di firme sulla petizione popolare che chiede al nostro sindaco Francesco Acquaroli il ripristino del suono delle ore e dei quarti dell’orologio della Torre Civica di Piazza Matteotti, fermo da diversi mesi.
Nazzareno Girotti, promotore dell’iniziativa, è riuscito a coinvolgere tante persone, anche per la raccolta delle firme. Fino ad oggi oltre 500 cittadini hanno già firmato ed altri continuano a farlo. Tutti firmano con entusiasmo, anziani e giovani, uomini e donne, comprese diverse comunità religiose locali, come i Frati Minori e le monache Benedettine.
La raccolta di firme proseguirà fino al giorno 28 ottobre 2015, esattamente dopo un mese dal suo inizio, ed il giorno successivo verranno consegnate al Sindaco Francesco Acquaroli.
I cittadini, oltre a richiedere il ripristino del suono dell’orologio, chiedono anche la sostituzione o il restauro del quadrante arrugginito che si trova dal versante di via Mariano Cutini.
Lo spettacolo di questo rudere del 1887 è veramente indecente. Si consideri inoltre che nei depositi comunali è a disposizione un altro quadrante non arrugginito che potrebbe essere utilizzato al posto di quello rovinato dall’usura del tempo.

Nazzareno Girotti intento ripulisce la fontana

Nazzareno Girotti intento ripulisce la fontana

I cittadini di Potenza Picena si aspettano dal Sindaco Francesco Acquaroli una risposta. Quanto costa l’intervento? È intenzione dell’Amministrazione Comunale finanziare il recupero?
Nel caso in cui il nostro Comune non può o non vuole intervenire lo dica pubblicamente. In questo caso raccoglieremo noi tra i nostri concittadini, le imprese e gli esercizi commerciali la somma necessaria per l’intervento. Comunque, amministratori parlate, non siate silenziosi come il nostro orologio.

AGGIORNAMENTO 26 OTTOBRE 2015

Il giorno sabato 24 ottobre 2015, alle ore 9,30, Nazzareno Girotti è stato ricevuto dal Sindaco Francesco Acquaroli che gli ha comunicato ufficialmente, nel suo ruolo di promotore della raccolta di firme tra la popolazione di Potenza Picena per richiedere che l’orologio della Torre Civica suoni di nuovo le ore e i quarti, che la Giunta Comunale in data 14 ottobre 2015 nel predisporre la variazione al Bilancio di Previsione 2015, ha stanziato la somma di € 500, sufficienti per coprire la spesa necessaria per poter riattivare l’impianto dell’orologio di Piazza Matteotti.
Comunque il Sindaco si è complimentato con l’iniziativa promossa da Nazzareno Girotti che ha riscosso un grande successo tra la popolazione di Potenza Picena.
Dopo che il Consiglio Comunale del giorno giovedì 29 ottobre 2015 avrà ratificato la decisione della giunta, l’economo comunale Dott.ssa Simona Ciasca, chiamerà il tecnico Adriano De Sanctis di Fermo per effettuare l’intervento presso la nostra torre civica. Siamo felici di questa positiva conclusione e ci auguriamo inoltre che l’amministrazione comunale possa anche successivamente procedere alla sostituzione del quadrante arrugginito del versante di Via Mariano Cutini, magari utilizzando quello depositato da tanto tempo nel locale del chiostro di Sant’Agostino.

AGGIORNAMENTO 12 NOVEMBRE 2015

In data giovedì 29 Ottobre 2015 Nazzareno Girotti a nome del comitato spontaneo sorto con l’obiettivo di far ripristinare il suono delle ore e dei quarti dell’orologio della torre civica di Piazza Matteotti, ha consegnato nelle mani del Sindaco Francesco Acquaroli n° 560 firme raccolte tra la popolazione. La consegna è avvenuta durante il Consiglio Comunale convocato presso l’Auditorium Ferdinando Scarfiotti. Il Sindaco ha annunciato ufficialmente che il Comune ha stanziato, con la variazione del Bilancio di previsione 2015, la somma di € 500 necessaria per l’intervento tecnico del Sig. Adriano De Sanctis di Fermo.

Resto del Carlino del 5-11-2015.

Resto del Carlino del 5-11-2015.

torre_civica000

Articolo correlato:

Read Full Post »

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: