Feeds:
Articoli
Commenti

Posts Tagged ‘partigiani della pace’

A cura di Luca Lisei e Paolo Battisti. Presentazione a cura di Simona Ciasca e Paolo Onofri.

Copertina del libro Marche, nascita di una democrazia

Nel mese di luglio 2021 è stato pubblicato un libro “Marche, nascita di una democrazia. Storie, nomi e volti della libertà”, a cura di Luca Lisei e Paolo Battisti, edizioni Ventura. Il libro è stato stampato dalla Tipografia Digitech di Recanati di Lanfranco e Giulio Biagiola, originari di Potenza Picena. E’ il risultato del lavoro di ricerca durato ben 8 anni e raccoglie le storie ed i volti di 850 partigiani marchigiani, tra cui troviamo anche 6 cittadini di Potenza Picena.
Non potevano mancare di certo i due giovani dell’Azione Cattolica della Parrocchia di Santo Stefano, Mariano Cutini e Mariano Scipioni, trucidati dai nazi-fascisti a Montalto il giorno 22 marzo 1944 a cui Potenza Picena nel 1945 ha intitolato due vie del centro storico.
A Mariano Cutini la Via Massucci, vicino alla ex scuola elementare ed al Monastero di Santa Caterina in San Sisto, mentre a Mariano Scipioni il Vico Bernabei, vicino al Teatro Comunale ed al Palazzo Municipale. Nel 1947 l’Azione Cattolica di Potenza Picena ha voluto ricordare Cutini e Scipioni con la lapide collocata all’interno del Cine-Teatro “Aurora”, poi rimossa e posizionata oggi all’interno dell’Oratorio Parrocchiale “Carlo Acutis” di Via S. Marco.
Ai due partigiani è intitolata anche la sezione di Potenza Picena dell’ANPI.
Ci sono, inoltre, con grande merito, due frati minori del Convento di S. Antonio, il Guardiano Padre Giovanni Pieragostini e Fra Salvatore Pantoni. Il Convento dei Frati Minori di Potenza Picena, dopo l’8 settembre del 1943, ha ospitato le riunioni del Gap locale, comandato da Nazzareno Giuseppe Pastocchi e ha dato rifugio a molti prigionieri alleati scappati dai campi di concentramento.

Lucio Pastocchi

Troviamo, inoltre, Lucio Pastocchi, vivente, figlio del comandante Gap locale Nazzareno Giuseppe, staffetta partigiana a soli 16 anni. Nel 1985 il Presidente della Repubblica Sandro Pertini gli ha conferito l’onorificenza di “partigiano combattente”. Lucio Pastocchi, nato a Potenza Picena il giorno 23/05/1928 da Giuseppe Nazzareno e da Maria Maggini, si è sposato con Dina Furiassi, originaria di Montalto e dal loro matrimonio sono nati Antonella, Giuseppe, Marco e Maria. Oggi è Presidente onorario della sezione Anpi “Scipioni e Cutini” di Potenza Picena, il cui Presidente è Luca Manzi.
L’ultimo nome che troviamo nel libro è quello di Guido Morgoni, operaio comunista della Società Ceramica Adriatica di Porto Potenza Picena. Anche lui, come Lucio Pastocchi, nel 1985 è stato insignito dal Presidente Sandro Pertini dell’onorificenza di “partigiano combattente”.
Nato a Potenza Picena il giorno 04/12/1923 da Nazzareno e da Adele Cingolani, si è sposato con Vera Melatini e dal loro matrimonio è nato Umberto. Guido Morgoni è morto il giorno 13/08/1994 a Macerata, nel 1951 fece parte anche del Movimento dei “Partigiani della Pace”.

Articoli correlati:

Read Full Post »

A cura di Paolo Onofri.

Guido Morgoni al centro (con la sigaretta) insieme ai partigiani della Pace.

Settant’anni fa, nel 1951, a Potenza Picena si è formato un movimento chiamato “I partigiani della pace” che si battevano per la pace nel mondo, minacciata dalla corsa agli armamenti nucleari sia degli americani che dei sovietici.

Trai il 1949 ed il 1956 si sviluppò in Italia un vasto movimento per la pace, che coinvolse ampi settori dell’opinione pubblica, intellettuali, donne, giovani e prefigurò i futuri movimenti che si svilupperanno nei decenni successivi.

Il movimento dei “partigiani della pace” fu promosso in Italia dal Partito Comunista Italiano e dal Partito Socialista Italiano, seguendo le direttive dell’Unione Sovietica e riuscì a coinvolgere settori molto diversi dell’opinione pubblica, non solo comunisti e socialisti, ma anche cattolici, nella discussione sui problemi della pace in generale e sulla questione nucleare in particolare, nei primi anni del dopoguerra.

Anche a Potenza Picena si sono organizzati i “partigiani della pace” ed in una famosa foto del 12 settembre 1951 li ritrae in assemblea.

Ci sono in totale 17 componenti, tra socialisti e comunisti del comune di Potenza Picena, tra di loro troviamo Guido Morgoni, al centro sul tavolo, operaio della Società Ceramica Adriatica di Porto Potenza Picena e partigiano combattente durante la Resistenza (nel 1985 il Presidente della Repubblica Sandro Pertini gli conferirà l’onorificenza di partigiano combattente, insieme a Lucio Pastocchi). Vicino a lui, sulla sinistra, troviamo Fernando Cutini, fratello di Mariano Cutini, partigiano trucidato dai nazi-fascisti a Montalto il giorno 22 marzo del 1944, insieme a Mariano Scipioni di Potenza Picena e a tanti altri partigiani.

Romualdo Clementoni

Sulla sua destra si trova Marcello Morgoni, padre del deputato del PD Mario Morgoni. Troviano, inoltre, Romualdo Clementoni, che nel 1970 sarà eletto consigliere regionale del PCI, carica che ricoprirà per due legislature fino al 1980 ed un altro muratore di cui abbiamo già parlato sul nostro blog, Candido Cardinali, che nel 1956 è emigrato in Francia, a Parigi, insieme a tanti altri muratori e manovali di Potenza Picena.

Gli altri componenti del gruppo presenti nella foto sono: Parigi Umberto, Rebichini Ferruccio, Gregori Osvaldo, Galassi Alessandro, Cingolani Pierino, Lucamarini Vittorio, Rinaldoni Rinaldo, Piatti Agostino, Minnozzi Sante, Morgoni Edoardo, Asciutti Brenno e Babbini Franco.

Articoli correlati:

Read Full Post »

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: