Feeds:
Articoli
Commenti

Posts Tagged ‘pietro bernasconi’

a cura di Simona Ciasca e Paolo Onofri

Interno Sala Giunta Antonio Carestia - Palazzo Municipale Potenza Picena.

Interno Sala Giunta Antonio Carestia – Palazzo Municipale Potenza Picena.

Il Palazzo Municipale di Potenza Picena è stato progettato dall’Architetto ticinese Pietro Bernasconi, principale collaboratore di Luigi Vanvitelli ed è stato ricostruito negli anni 1745 – 1750. La sala Giunta, un tempo del Consiglio Comunale, si trova al suo interno al primo piano.

Dopo la costruzione ed inaugurazione del Teatro Condominiale, oggi comunale, Bruno Mugellini avvenuta il 27 dicembre del 1862, la sala dedicata al Consiglio comunale è stata riccamente decorata da Filippo Persiani di Morrovalle, lo stesso che aveva lavorato prima nel contesto del nostro teatro. Le decorazioni della sala rendevano omaggio in particolare ai padri dell’Unità d’Italia, da poco avvenuta (17 Marzo 1861).

Infatti sulla volta della sala si trovano i ritratti del Re Vittorio Emanuele II, di sua moglie la Regina Maria Adelaide Ranieri, del Generale Giuseppe Garibaldi e del Conte Camillo Benso di Cavour.

Sui quattro angoli della volta sono state dipinte decorazioni che esaltano la letteratura, il teatro, la pittura e la musica, cioè le arti e la scienza con raffigurati anche chiari simboli massonici, come le squadre e i compassi.

Nel contesto decorativo di questa sala, per scelta politica dell’epoca, non si trovano simboli religiosi, ma solo laici.

Volta decorata della Sala Giunta. Foto Sergio Ceccotti.

Volta decorata della Sala Giunta. Foto Sergio Ceccotti.

La sala nel 1907 era stata arricchita con un bellissimo tavolo a ferro di cavallo, poi rimosso, che è stato recentemente restaurato da Luigi Morichetti di Potenza Picena e riposizionato al suo interno. Il gonfalone del Comune che si trova oggi all’interno della teca al centro della sala è stato ricamato nel 1933 dalle nostre Monache Benedettine di San Sisto e restaurato nel maggio 2015 dalla Sig.ra Nelide Mazziero di Potenza Picena.

All’interno della sala si trovano oggi tre importanti opere d’arte: si tratta del Sant’Emidio che protegge Monte Santo del 1770 di Benedetto Biancolini, di una Madonna con Bambino tra i Santi Rocco e Martino del 1584 di Simone De Magistris e l’Allegoria della Pace Sec. XVII di Corrado Giaquinto. Quest’ultima tela nel 1997 era stata rubata dal nostro municipio e recuperata solo nel 2002 a Milano.

Dal mese di ottobre del 2015 nel contesto del locale si trova anche l’antico stemma Comunale in pietra arenaria del sec XIV che era collocato sulla parete del Palazzetto del Podestà e restaurato da Paola Carestia di Potenza Picena, lavoro che è stato finanziato dalle sorelle Ballesi di Macerata Chiara, Francesca ed Elisabetta.

Nel 2003 la sala è stata sottoposta ad un lavoro di restauro sia nella parte strutturale che in quella decorativa. Le decorazioni sono state restaurate dai tecnici della ditta Ares snc di Ancona Alessandra Valeri e Elisabetta Luciani, mentre la progettista del recupero è stata l’Arch. Laura Francioni di Recanati.

Sono infine presenti nel locale le Bandiere italiana ed europea oltre a quelle delle nazioni delle città con cui Potenza Picena è gemellata, cioè Templemore per l’Irlanda e Burford per l’Inghilterra. Presente inoltre dal giorno 16/10/2013 anche la Bandiera Argentina benedetta nella Cattedrale di Rosario e donata al nostro Comune dalla Famiglia di Oscar Tramannoni.

Antonio Carestia. A.S.C.P.P.

Antonio Carestia. A.S.C.P.P.

Questa sala, inaugurata dopo i lavori di restauro e miglioramento sismico il giorno 5 Aprile 2003, non è più da considerarsi come sede del consiglio comunale ma della Giunta Municipale, intitolata dal 2004 al Sig. Antonio Carestia, primo sindaco eletto democraticamente dopo la caduta del fascismo, il quale ha amministrato Potenza Picena dal 1946 fino al 1951.

Articoli correlati:

Annunci

Read Full Post »

Palazzo Comunale facciata. Foto di Sergio Ceccotti.

Palazzo Comunale facciata. Foto di Sergio Ceccotti.

L’architetto ticinese Pietro Bernasconi era nato a Riva San Vitale nel 1705 ed è morto nel 1767 a Caserta, cioè 250 anni fa.

Principale collaboratore di Luigi Vanvitelli, ha lavorato con il grande maestro sia a Roma, a Loreto ed in particolare alla Reggia di Caserta. Il loro solido rapporto di collaborazione si è deteriorato nel 1766, un anno prima che morisse, in quanto Bernasconi aveva cercato di sottrargli un incarico professionale, il rifacimento della Chiesa Parrocchiale del Villaggio Torre, l’attuale Caserta.

Nelle Marche oltre a Loreto ha lavorato nel 1741 in Ancona ed anche secondo le ricercatrici Daniela Biancolini e Patrizia Chierici nella Chiesa di San Vito a Recanati.

A Monte Santo, l’antico nome di Potenza Picena cambiato il giorno 21 dicembre 1862, ha lavorato nel 1744 nel contesto della Villa Bonaccorsi a Montecanepino, sia come Direttore dei lavori che come ideatore dell’ampliamento del complesso. Nel 1745 ha inoltre provveduto, secondo il Dott. Roberto Domenichini, attuale Direttore dell’Archivio di Stato di Pesaro, al progetto dei lavori del Palazzo Comunale nella Piazza Grande, oggi Giacomo Matteotti, prevedendo una facciata con doppio loggiato.

I lavori si sono conclusi nel 1750 e dopo la costruzione del Teatro Condominiale, inaugurato il giorno 27 dicembre del 1862, l’architetto Giuseppe Brandoni ha provveduto alla chiusura del secondo ordine superiore del loggiato. Recentemente presso l’Archivio Storico della Parrocchia dei Santi Stefano e Giacomo di Potenza Picena è stato trovato l’atto di battesimo della figlia di Pietro Bernasconi, una scoperta straordinaria che documenta la permanenza temporanea dell’architetto nella nostra città, probabilmente ospite dei Bonaccorsi e ci consente di poter acquisire ulteriori notizie sulla sua famiglia. Infatti il giorno 26 maggio 1745 è nata a Monte Santo la figlia Rosa Maria Ascenzia ed è stata battezzata nella Pieve di Santo Stefano, che all’epoca si trovava ancora nel contesto della Piazza Grande.

villa_buonaccorsi_1

Villa Buonaccorsi – Potenza Picena.

Il padre dell’architetto si chiamava Giuseppe, la moglie era Elisabetta Albertini di Ancona, mentre la città di provenienza risultava Corsilia o Corzilia.

Questo importante documento d’archivio ci consente di affermare con certezza del solido rapporto dell’architetto Pietro Bernasconi con Monte Santo, dove lui ha lasciato importanti testimonianze della sua opera come il Palazzo Comunale ed anche la Villa Bonaccorsi, ma in particolare perché nella nostra città è nata sua figlia Rosa Maria Ascenzia, che è subito morta, e dove lui è vissuto per un periodo anche insieme alla moglie Elisabetta Albertini.

Articoli correlati:

Read Full Post »

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: