Feeds:
Articoli
Commenti

Posts Tagged ‘simonacci emanuele’

01°_DSC4024-5Durante la Prima Guerra Mondiale Potenza Picena ha avuto 116 suoi giovani figli, morti in combattimento o per cause di guerra, altri soldati hanno avuto gravi conseguenze nel loro corpo per le ferite riportate in combattimento. A Potenza Picena e Porto Potenza Picena, comprese le campagne, gli invalidi ed i mutilati di guerra sono stati 30. Questi avevano a livello locale una loro Associazione che li raccoglieva, l’Associazione invalidi e mutilati di guerra. Erano iscritti a questa associazione 30 soldati che risiedevano a Potenza Picena, anche se diversi di loro non erano nati nella nostra città. Nell’elenco compilato subito dopo la guerra dal nostro Comune ne risultavano 30, lo stesso numero degli iscritti all’Associazione che li raccoglieva, ma non tutti i nomi coincidevano. Ne risultavano ben 14 in più rispetto all’elenco del nostro comune, e ne mancavano comunque 14 che erano invece compresi nell’elenco. Questa diversità coincide quasi sempre nel non considerare tutti coloro che pur nati a Potenza Picena, erano poi residenti in altri comuni, mentre si potevano iscrivere coloro che pur nati in altri comuni, erano poi residenti a Potenza Picena. Poi non tutti gli invalidi si iscrivevano all’Associazione.
Grazie alla disponibilità del Sig. Orazio Simonacci di Potenza Picena, figlio di Emanuele (Francesco) Simonacci, conosciuto più comunemente con il nome di “Checco d’Orazio”, quest’ultimo invalido di guerra, abbiamo avuto la possibilità di riprodurre l’albo che riporta i nomi e le foto di tutti gli iscritti alla sezione di Potenza Picena dell’Associazione Invalidi e Mutilati di guerra. Noi oggi lo facciamo conoscere per la prima volta a tutti i nostri affezionati lettori. Tra gli invalidi e mutilati troviamo molti contadini, muratori, calzolai, falegnami, un mugnaio ad olio (frantoio), 2 industrianti ed un pescatore di Porto Potenza Picena. Il mugnaio era Nazzareno Girotti, il pescatore Carlocchia Rinaldo, mentre i due industrianti erano Mazzarella Erginio e Secondo Grandinetti. Il primo era il padre di Alessandro Mazzarella, fondatore a Potenza Picena del Calzaturificio Kurbistan, mentre il secondo era il padre di Domenico, Enrico, Iginia e Dea.
Emanuele Simonacci (1 sx seduto) all'Ospedale. Prop. Teresa SimonacciAbbiamo ritenuto opportuno far conoscere questi ragazzi che hanno sofferto sulla propria pelle le conseguenze tragiche della grande guerra, ricordandoli ed onorandoli.
Ringraziamo di cuore Orazio Simonacci per averci messo gentilmente a disposizione l’albo dell’Associazione Invalidi e Mutilati di guerra di Potenza Picena, che poi Sergio Ceccotti ha magistralmente fotografato.

Articoli correlati:

Annunci

Read Full Post »

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: